De Mauro. Servizi, affari e mezzo secolo di omertà

Stando alle dichiarazioni di alcuni pentiti storici, lo scoop con cui il cronista dell’Ora voleva far “tremare l’Italia” conteneva rivelazioni sul sabotaggio dell’aereo in volo da Catania a Milano su cui viaggiava Mattei e sul golpe Borgheseprogrammato per la notte dell’Immacolata del 1970. “La decisione di eliminarlo fu assunta dopo un consulto romano… Nei rapporti di Cosa nostra con i generali: lì ci sono i mandanti”– dice il pentito Francesco Di Carlo nell’intervista a Repubblica del 12 giugno 2011.

Non liberate i boss!

Una massa di finti garantisti e  ipocriti cosiddetti liberali permette ai peggiori capomafia, di ritornare a guidare le loro organizzazioni e i loro affari, svendendo il senso e la sovranità dello Stato di diritto per cui sono morti centinaia di eroi.

MAFIAVIRUS

La storia è sempre la stessa, uno Stato che se ne va e una mafia che riceve allegramente il bel dono: presenza, “stato sociale”, un pezzo dopo l’altro delle città.

Felicia Bartolotta Impastato

Non solo la madre di Peppino ma soprattutto una donna che si è ribellata (e ha vinto) contro i codici omertosi e mafiosi, perbenisti e ipocriti, di una certa società, che si rifiutò di ricevere in casa i mafiosi di Cinisi ma spalancò le porte a giovani e meno giovani, persone e attivisti protagonisti degli impegni più diversi per migliorare questo nostro mondo.

Mafie in Europa

Era il 1962 quando il matematico statunitense Edward Lorenz studiò ed elaborò il cosiddetto “effetto farfalla”, probabilmente ispiratosi ad “A Sound of Thunder”, racconto di Ray Bradbury.