Per il bene dello Stato

Per il bene dello Stato – Si, è vero, l’abbiamo fatto. Ma l’abbiamo fatto a fin di bene”. – Ah, ecco. Beh, scusate.  “E’ per mio ordine e per il bene dello Stato che il portatore del presente biglietto ha […]

Gli articoli del mensile I Siciliani

dalla Rete:

I sommersi

La rivolta social(e) è iniziata una settimana fa, dopo aver appurato che Catania è sommersa dalla spazzatura da quando la discarica di Lentini ha smesso di accogliere i rifiuti della città.  Elena (nome di invenzione), una ragazza di ventiquattro anni […]

MINIATURA DI UN QUADRO DI GIUSEPPE FAVA SULL’ISS

Seguendo questa ideale analogia, la Fondazione Fava, oltre a Studio sul Dolore, ha proposto di inviare sulla Luna anche un campione della terra del Giardino di Scidà, a simboleggiare la speranza che l’esplorazione umana e la colonizzazione della Luna possano essere libere da profitti e interessi privati, favorendo uno sviluppo sostenibile per tutti. Senza più appropriazione indebita, corruzione, abusi e violenze.

“Vorrei che il Pride ci fosse tutti i giorni”

C’è chi dice che i diritti sociali vengono prima dei diritti civili. Che gli scioperi per il lavoro valgono più dei Pride. Ne abbiamo discusso con Lorenzo Pistorio, attivista del movimento LGBTQI, di mestiere rider. “Il mio è uno dei lavori più infami del mondo. Sono tra quelli che sia con l’acqua, sia col vento ti portano il cibo a casa. Corro tutti i rischi di stare in strada, di notte, in bicicletta. Il mio mestiere è tutelato poco, è tutelato male. Da rider e da persona trasngender vi dico che il Pride non è solo necessario ma è fondamentale”.

“Ci vogliamo vive”

Di fronte al silenzio maschile, i movimenti femministi lanciano un appello agli uomini. Isolare i tipi violenti tra i propri amici, affrontare i problemi, denunciare chi diffonde video intimi nelle chat. Parla un ragazzo africano: “La prima responsabilità viene dal quotidiano, dal non mettere in contraddizione le schifezze che escono dai nostri discorsi. La radice delle uccisioni nasce nei luoghi che frequentiamo, nelle chat, nelle battute, in ciò che ci pare banale. La società insicura comincia qui”.

Lo sgombero dell’ Auro

L’ordinanza numero 52 è stata firmata lo scorso 11 agosto dal “Sindaco” di Catania, Salvo Pogliese e obbliga a lasciare l’immobile di via Santa Maria del Rosario 28 entro cinque giorni. “In caso di mancato rilascio la riacquisizione al patrimonio comunale avverrà tramite sgombero forzoso”. La questione è già sul tavolo del Prefetto.

Comitato per la legalità nella Festa di S.Agata

Il Comitato per la legalità ha ricevuto lo scorso 6 agosto dal dott. Gianpaolo Adonia, membro del Comitato per la Festa di S.Agata, il bilancio consolidato della Festa per il 2020, e quello preventivo per 2021, quando la festa non si è svolta a causa del Covid. Da molti anni chiediamo chiarimenti in merito alla gestione delle spese e abbiamo quindi potuto confrontare le varie edizioni. 

Peior de cinere surgo

Il nome di Melo Raciti si trova nelle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia quale “personaggio di riferimento per alcune attività lecite” del clan mafioso “Santapaola-Ercolano”. Rappresentanti istituzionali della città non hanno provato alcun imbarazzo a chiedere immediati ristori e a solidarizzare con la famiglia Raciti per l’incendio che ha coinvolto anche la loro attività imprenditoriale. Nel silenzio nel frattempo è stata distrutta dalle fiamme l’Oasi del Simeto.