Denunciato senzatetto, non era a casa

A Catania l’intervento della polizia per “contrastare il coronavirus”

Si occupava dei gatti di piazza Aldo Moro a Catania, era senza casa, cinquant’anni. Prima dormiva all’interno del centro commerciale abbandonato Vulcania, poi si è costruito una capanna di plastica in un angolo della piazza. L’altro ieri è arrivata la polizia. Hanno smantellato la casa improvvisata, gettato tutta la sua roba e lo hanno denunciato: per essere fuori casa in tempo di quarantena.

Il Comunicato solenne della Questura di Catania racconta l’operazione di polizia: “nell’ambito delle misure straordinarie, predisposte dal Questore di Catania, finalizzate al contenimento della diffusione del Virus COVlD-19 e dirette a garantire l’uniforme gestione dell’emergenza epidemiologica (…) personale del locale Commissariato di P.S. “Borgo-Ognina”, individuava, nei pressi dell’area verde di questa piazza Aldo Moro, una tenda in materiale plastificato, la quale si presentava in condizioni di assoluto degrado strutturale ed in pessime condizioni igienico-sanitarie a causa della presenza di enormi quantità di rifiuti di ogni tipo. Tale tenda fatiscente, che fungeva da vera e propria abitazione, era occupata da un individuo che dichiarava di essere senza fissa dimora e privo di qualsiasi documento di riconoscimento”.

L’immagina diffusa dalla Questura che testimonia l’intervento di rimozione del ricovero di fortuna del senzatetto.

“Immediatamente sul posto il personale del Commissariato “Borgo-Ognina” richiedeva l’ intervento specialistico dell’A.S.P., della Polizia Locale e della ditta “DUSTY”, che provvedevano alla rimozione della tenda e a una capillare disinfestazione dell’intera zona. Per quanto sopra esposto il predetto soggetto, T.D. cl. 1968, veniva indagato in stato di libertà per le violazioni di quanto prescritto dall’art 1 D.lgs. del 23 febbraio 2020 n.6 e del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 marzo 2020 e dall’art.1 dell’Ordinanza contingibile e urgente n.6, emessa il 19 marzo 2020, dal Presidente della Regione Sicilia in materia di igiene e sanità pubblica”. Per non essere rimasto a casa. Ma altra casa non aveva se non quella tenda di plastica.

Alcuni abitanti della zona gli hanno portato delle coperte, ieri a Catania ha iniziato a piovere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si informano i lettori che i commenti troppo lunghi potrebbero essere considerati SPAM e cestinati in automatico.
Vi preghiamo pertanto di essere concisi nei vostri commenti.