Cronaca di un “suicidio” annunciato

Otto anni dopo, non sono affatto chiariti i dubbi sulla morte del giovane urologo barcel- lonese. Ecco perché

Quel che colpisce è la tempistica. Una tempistica che mal si concilia con un si­lenzio fin troppo imbarazzante. Il silen­zio di una Procura che per otto anni non ha sentito il dovere di fornire un bricio­lo di spiegazione sulla strana morte (2004) di Attilio Manca, medico urologo di Barcellona Pozzo di Gotto in servizio all’ospedale Belcolle di Viterbo, che nel 2003 a Marsiglia si sospetta abbia fatto parte dell’equipe che ha operato segre­tamente di tumore alla prostata il boss Bernardo Provenzano, e poi lo abbia as­sistito in Italia senza conoscere la sua vera identità.

L’unica spiegazione che i magistrati di Viterbo hanno fornito in questi otto anni è che il giovane medico è morto per overdo­se d’eroina – mediante “inoculazione vo­lontaria” – mischiata ad una grossa quan­tità di alcol e di tranquillanti.

Peccato che Attilio Manca, la droga, se la sarebbe iniettata nel braccio sbagliato, quello sinistro, dato che era un mancino puro, ma dopo quasi un decennio, anche il “mancinismo puro” della vittima è stato messo in discussione.

Attilio Manca è stato trovato cadavere sul letto del suo appartamento di Viterbo la mattina del 12 febbraio 2004 con due buchi al braccio sinistro e – secondo la fa­miglia – con il setto nasale deviato, il vol­to tumefatto, e una serie di ecchimosi in tutto il corpo.

A qualche metro di distanza dal cadave­re sono state trovate due siringhe con tap­po salva ago inserito, un pezzo del parquet divelto, un peso da ginnastica rotto, la ca­micia e la cravatta della vittima poggiate su una sedia.

Non sono stati trovati i pantaloni, i bo­xer, i calzini, le scarpe e la giacca di Atti­lio, né sono stati trovati lacci emostatici e cucchiai sciogli eroina. Un particolare, quest’ultimo, sul quale il procuratore e il suo sostituto hanno dato l’impressione di annaspare. Sul tavolo del soggiorno sono stati rin­venuti degli attrezzi chirurgici che, secon­do gli stessi familiari e gli amici più stretti di Attilio, non erano mai stati visti nell’appartamento.

L’autopsia, condotta dalla dottoressa Danila Ranaletta, moglie del primario di Attilio, ha escluso ecchimosi sul corpo, il volto tumefatto e le labbra gonfie. Al con­trario del medico del 118, intervenuto dopo la scoperta del cadavere, che, secon­do la famiglia Manca, avrebbe riscontrato questi particolari. Due tesi contrastanti che dovrebbero esere chiarite dalle foto del viso (mai pub­bicate, neanche in rete ) che se­condo i Manca descrivono chiaramente la situazio­ne

Dai rilievi effettuati dalla Scienti­fica, nell’alloggio sono state rilevate cin­que im­pronte, una del cugino dell’urologo, Ugo Manca, e altre quattro non apparte­nenti a persone che la vittima era solita frequenta­re. Dunque, in quell’appartamen­to, delle persone estranee all’ambiente del medico, nelle ultime ore avrebbero lascia­to le loro tracce. Ma nessuno, in tutto que­sto tempo, ha saputo dire a chi appartenga­no.

Sarà pure una coincidenza, ma questa estemporanea conferenza stampa tenuta dal capo della Procura Alberto Pazienti e dal sostituto procuratore Renzo Petroselli, titolare dell’indagine sulla morte di Attilio Manca, arriva dopo quindici giorni “di fuoco” in cui del Caso Manca si è parlato in tre trasmissioni di grande impatto me­diatico: “Servizio pubblico” di Michele Santoro, “Chi l’ha visto” di Federica Scia­relli, e “Rainews24”, la quale ha tra­smesso una bella inchiesta di Giuseppe Lo Bianco che, come i programmi di Santoro e della Sciarelli, si è soffermata sulle even­tuali connessioni tra la morte dell’urologo e l’intervento alla prostata di Provenzano, mettendo insieme fatti, circo­stanze e notizie, senza la pretesa di fornire risposte certe, ma con il fine di accendere i riflettori su uno dei misteri più tormentati della storia recente.

Da queste trasmissioni sono emerse un paio di cose semplicissime: che Attilio Manca, malgrado i suoi 34 anni, nel 2003 era un luminare della chirurgia alla prosta­ta, essendosi specializzato a Parigi, pa­tria del sistema laparoscopico, una tecni­ca ri­voluzionaria e meno invasiva del tradizion­ale intervento chirurgico, arrivata in Italia con alcuni anni di ritardo. Che Fran­cesco Pastoia, braccio destro di Ber­nardo Provenzano, poco prima di impic­carsi nel carcere di Modena, disse che il “boss dei boss”, sotto il falso nome di Ga­spare Tro­ia, era stato operato e assistito da un medi­co siciliano (e all’epoca l’unico medico si­ciliano in grado di operare col si­stema la­paroscopico pare che fosse pro­prio Man­ca). Che la cittadina di Attilio, Barcellona Pozzo di Gotto, non è una cit­tadina come tante, ma il centro nevralgico di una strate­gia dell’eversione che nel ’92 portò il boss Giuseppe Gullotti (mandante dell’assassinio del giornalista Beppe Alfa­no) a recapitare a Giovanni Brusca il tele­comando della strage di Capaci, e nello stesso periodo portò Bernardo Provenzano e Nitto Santa­paola a trascorrere la loro la­titanza proprio lì, ben protetti da una fitta rete di compli­cità, che il dottor Manca (se davvero ha operato Provenzano) potrebbe avere sco­perto.

Ebbene, in concomitanza con questo “fuoco” mediatico, la procura di Viterbo ha finalmente deciso di battere un colpo, o meglio, di sferrare il colpo finale all’inchiesta. Per dire cosa? Che Attilio Manca era un drogato e che i quattro bar­cellonesi indagati da alcuni mesi non c’entrano niente con questa storia, malgra­do l’impronta palmare lasciata da Ugo Manca (uno degli indagati), condannato in primo grado nel processo “Mare nostrum” per traffico di stupefacenti, ma assolto in appello, e malgrado lo stesso Ugo Manca, subito dopo la morte del cugino, dalla Sicilia si sia precipitato a Viterbo per chiedere al titolare dell’indagine – a nome dei genitori e del fratello di Attilio, che hanno categoricamente smentito – il dissequestro dell’appartamento. Perché? Perché questa fretta di entrare nell’appartamento? Per fare cosa? Anche su quest’ultima circostanza,Pazienti e Petroselli hanno dato la netta sensazione di annaspare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *

Si informano i lettori che i commenti troppo lunghi potrebbero essere considerati SPAM e cestinati in automatico.
Vi preghiamo pertanto di essere concisi nei vostri commenti.