Rewind/Forward

REWIND

accadrà ieri

 

Svizzera

SIAMO TUTTI PORTOGHESI

L’11 febbraio un’inchiesta del quotidia­no svizzero Tages Anzeiger racconta l’aumento nel paese di cittadini italiani, spagnoli e portoghesi in cerca di prote­zioni sociali. Grazie all’accordo sulla li­bera circolazione con l’Unione europea e a contratti di lavoro fittizi, i migranti che lavorano, sia pure temporaneamen­te, possono infatti accedere agli assegni di assistenza, che per una famiglia di quattro persone possono toccare i 4mila franchi svizzeri (circa 3.200 euro). Solo nel 2012 il numero di cittadini comuni­tari finiti a carico dell’assistenza elveti­ca è aumentato del 6,2 per cento.

 

Nel bagagliaio

DELLA CIVILTA’

Il 14 febbraio la polizia di frontiera di Brindisi scopre nel bagagliaio di una Renault Kangoo imbarcata sulla nave-traghetto Catania proveniente da Patras­so, in Grecia, quattro migranti di nazio­nalità siriana. I quattro vengono fermati e rimpatriati, il conducente della Re­nault Kangoo viene arrestato.

 

Di nascosto

AI GRANDI

Il giorno dopo è la volta di quattro ra­gazzi afghani di età compresa tra i 14 e i 16 anni. Erano nascosti in un sottofon­do alto trenta centimetri di un furgone sbarcato dalla Moto Nave Catania pro­veniente da Patrasso. I quattro hanno detto di aver pagato 4mila dollari a te­sta ad un’organizzazione greca. I con­ducenti del furgone, Dimitrov Slavi, di 52 anni, e Ivanov Ivo, di 44, sono stati arrestati per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

 

“Bevo acqua

E NON PETROLIO”

Il 15 Onofrio Introna, presidente del Consiglio regionale pugliese, annuncia che la sua regione si batterà contro l’avvio delle trivellazioni petrolifere in cantiere nella vicina Irpinia. Il rischio è che la falda acquifera ai confini con la Campania, da cui proviene la maggior parte dell’acqua pugliese, venga irrime­diabilmente inquinata. A preoccupare sono le tecniche invasive – come getti d’acqua e solventi ad altissima pressio­ne – che saranno utilizzate in un’area già ad elevata sismicità naturale.

 

Ma non è

CHE L’ILVA STIA INQUINANDO?

Il 16 febbraio dall’altoforno numero 5 dello stabilimento Ilva di Taranto si le­vano colonne di fumo considerate anomale dalla stessa azienda, che ri­chiede l’intervento dei tecnici dell’Arpa per stabilirne la pericolosità per la salu­te. L’impianto è uno di quelli sequestra­ti nel luglio scorso dalla procura di Ta­ranto perché ritenuti responsabili del di­sastro ambientale che ha provocato ne­gli ultimi decenni l’impennata dei casi di tumore in città. Cinque giorni prima il gip del tribunale di Taranto, Patrizia Todisco, aveva respinto la richiesta di scarcerazione di Nicola Riva, 56 anni, ex presidente del cda dell’Ilva, ai domi­ciliari dal 26 luglio scorso per inquina­mento, disastro ambientale ed avvele­namento di sostanze alimentari.

 

FORWARD

accadde domani

 

 

Il primo maggio

QUEST’ANNO È A MARZO

Il primo marzo si terrà la quarta edizio­ne della giornata nazionale indetta dalla Rete Primo Marzo per denunciare lo sfruttamento e il razzismo delle persone migranti. Tra le richieste della Rete c’è una nuova legge sull’immigrazione, l’abolizione dei Cie, la cittadinanza ai figli degli stranieri nati in Italia, l’esten­sione del diritto di voto amministrativo agli stranieri non residenti.
Adesioni: primo.marzo.ufficio.stam­pa@gmail.com, primomarzo2010comi­tati@gmail.com

 

Ieri a Comiso

OGGI A NISCEMI

Il 30 marzo a Niscemi (CL) si terrà una manifestazione nazionale contro la rea­lizzazione del MUOS, il sistema di tele­comunicazioni satellitari che la Marina Militare Usa sta installando all’interno del Parco della Sughereta.
Info: www.nomuosniscemi.it

 

Actor’s Studio

DOVE? AL VALLE

Dall’11 al 23 marzo a Roma presso il Teatro Valle Occupato si svolgerà un Laboratorio di drammaturgia condotto da Antonio Latella. Si lavorerà sul tema della Menzogna, a partire dal romanzo Mephisto di Klaus Mann.
Il laboratorio è aperto ad attori registi e drammaturghi che non abbiano supera­to i 20 partecipanti.
Info: navescuola.tvo@gmail.com

 

Scrivi ragazzo scrivi

L’APPELLO DI PITAGORA

L’1 e il 2 marzo 2013 presso l’Istituto Superiore “Pitagora” di Pozzuoli (NA) si terrà un festival letterario nell’ambito del concorso di scrittura “La pagina che non c’era”. Gli studenti delle scuole su­periori italiane che partecipano al pro­getto incontreranno gli scrittori Andrea Bajani, Maurizio de Giovanni, Paola Soriga e Andrea Tarabbia e verranno chiamati a scrivere una pagina, quella che non c’era, da inserire in uno dei ro­manzi dei quattro autori.
Info: www.lapaginachenoncera.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.