L’altra Turchia

L’Italia dei populisti e dei nazionalisti somiglia sempre di più a quella Turchia che solo nel 2016, con lo scatenarsi della repressione seguita al fallito colpo di Stato, ci sembrava così lontana dai principi democratici e dallo Stato di diritto che davamo per scontati nel Belpaese. A due anni di distanza, nonostante le elezioni abbiano riconfermato Erdoğan e l’estrema destra, molti ritengono che non si possa rinunciare alla lotta per una Turchia migliore.

Il sequestro a Ciancio salverà l’ex Centrale del Latte di Catania

L’ex Centrale del Latte di Catania è stata acquistata dalla  Iniziative Editoriali Siciliane Srl di Mario Ciancio, società ora confiscata. Nel 2017 il Comune ha approvato il progetto di demolizione della Centrale del Latte presentato dalla IES, per consentire la realizzazione di tre palazzi da cinque piani. Adesso però con la confisca l’ex Centrale del Latte, parte del patrimonio architettonico della città, può essere salvata e ristrutturata.

Il Mare Mostrum

Quasi simile a un trapezio scaleno con un’area immensa: il vertice superiore destro quasi a sfiorare l’arcipelago tunisino di Kerkenna; quello sinistro, la grande isola greca di Creta.

La frutta in Cile è una cosa seria

La sala d’attesa della Policia de Investigationes non è altro che una fila di sedie davanti ad un piccolo ufficio. Qui ci stanno i sospetti terroristi, gli haitiani, i turisti con pochi soldi oppure quelli che hanno portato delle banane ma non lo hanno dichiarato. Già, in Cile se provi a far entrare frutta stai facendo un attentato.

Sigonella

Segretamente a Sigonella sta per entrare in funzione la Joint Tactical Ground Station (JTAGS), la stazione di ricezione e trasmissione satellitare del sistema di pronto allarme USA per l’identificazione dei lanci di missili balistici con testate nucleari, chimiche, biologiche o convenzionali. Nell’area 465 della base sorgerà il nuovo sito di guerra missilistico e nucleare.

Rio de Janeiro

In Brasile si muore di morte violenta più che in Siria. Secondo la ONG Fórum Brasileiro de Segurança Pública, tra il 2011 e il 2015 in Brasile ci sono stati 278.839 omicidi – il documento contempla morti intenzionali, seguite da lesioni corporali, dovute a rapine, morti provocate dalla polizia o agenti uccisi in servizio e non.

Vivere a San Cristoforo

Una limousine bianca, lunga almeno un paio di metri, qualche giorno fa girava per San Cristoforo. I vetri erano oscurati ma da uno abbassato si intravedeva una signora elegantissima, truccata con cura.