Libertà di stampa: un appello

Manifestiamo riprovazione per l’atto, oggettivamente intimidatorio, che vuole colpire un giornalista – Giacomo Di Girolamo di www.marsala.it – già fatto segno nel tempo di inquietanti attenzioni criminali, solo perché impegnato a raccontare, con la “schiena diritta”, la realtà di un territorio espressione di tante potenzialità positive, ma anche di fenomeni preoccupanti di criminalità organizzata e malaffare politico-istituzionale, spesso collegato con l’ancora potente mafia locale.

Sul piano socio-politico e istituzionale è da considerare sconcertante il fatto che l’intimidazione avviene mediante un chiaro abuso di potere dell’Amministrazione della Città che con il suo Sindaco di fatto afferma, incredibilmente, che il diritto di cronaca e di giudizio, esercitato rigorosamente dal Di Girolamo, lederebbe il prestigio della città.

Ma è ancor più grave che detto abuso dell’Amministrazione venga esercitato a spese dei cittadini con una deliberazione che merita, oltre alla riprovazione civile politica un puntuale controllo di legalità da parte degli organismi giurisdizionali, compresi quelli contabili.

Per quanto sopra esposto, esprimiamo piena solidarietà a Giacomo Di Girolamo e ai suoi collaboratori che rappresentano oggi un baluardo della libertà di espressione e informazione che ha un significato che va oltre la, pur importante, realtà marsalese.

 

Arci Sicilia

Coop.soc. su terreni confiscati alla mafia “Lavoroenonsolo”

Coop.soc. antiusura e antiracket Solidaria

Giornale Antimafia 2000

Coordinamento soci Sicilia occidentale Banca Etica

Associazione Avolab

Laboratorio Zeta

Riccardo Orioles

Nino Amadore, giornalista –

Lorenzo Baldo, giornalista –

Claudio Riolo, docente universitario –

Steni Di Piazza, operatore del credito etico –

Salvatore Cernigliaro, cooperatore –

Giovanni Abbagnato, operatore socio-culturale

 

 

per aderire: redazione@isiciliani.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si informano i lettori che i commenti troppo lunghi potrebbero essere considerati SPAM e cestinati in automatico.
Vi preghiamo pertanto di essere concisi nei vostri commenti.