Le due Italie

C’è un’Italia-cicala che non riesce a risolvere neanche i proble­mi più elementari (chiudere Berlusconi e Monti, dare una prima risposta alle grida drammatiche della Nazione) e si contorce e s’accapiglia, in preda alle ideologie più disparate, pur di non dire il banale “uniamoci e mettiamoci al lavoro”.

E c’è un’Italia-formichina che umilmente lavora, va nelle piaz­ze, ride, fatica ogni santo giorno per vivere un po’ meno peggio, per vivere un poco di più…

L’Italia-cicala… non facciamo nomi: è l’Italia “politica”, vecchia e nuova. L’Italia-formichina? Eccola qua. In queste povere pagi­ne, costruite con sacrificio e con passione, c’è l’Italia dei senza­potere, dei poveri, di quelli che fanno tutto e non sono calcolati da nesuno.

Leggete con intelligenza, con attenzione. Non limitatevi agli articoli – pensate anche agli autori. Ci sono i vecchi compagni, quelli che han combattuto con Peppino Impastato e Pippo Fava. Ci sono i ragazzi che lottano, con trent’anni di meno ma identico animo e cuore, esattamente per le stesse cose.

Bersani, Grillo, Napolitano, Monti… Vaffanculo! Ma sì, per una volta diciamo la malaparola anche noi. Saranno grandi poli­tici, avranno il paese in pugno, ma noi abbiamo i ragazzi del Clandestino. Dispersi sulla faccia del mondo, studenti precaris­simi a Torino, ragazze pacifiste a Niscemi, camerieri a Roma – li trovi tuttavia dappertutto, sorridenti, non domi. Questi sono i nostri “politici”, questo il nostro “partito”.

Nel chiacchericcio dei notabili, nel brusìo egocentrico di vec­chi e nuovi rancori, il loro passo leggero si sente appena. Ma è l’unico che percorre l’avvenire. Noi vecchi, anfanando a stento, gli teniamo die­tro. Nei quartieri a Catania, all’università di Mila­no, nei vicoli militarmente occupati a Na­poli dal Sistema, loro e non altri portano la vecchia idea liberta­ria del cuore e della ra­gione.

Gobetti morì solitario (o Peppino, o Giuseppe, o uno dei tanti viandanti di questa strada), ma alla fine la libertà arrivò. Con quella generazione che la sua vittoriosa sconfitta aveva saputo illuminare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si informano i lettori che i commenti troppo lunghi potrebbero essere considerati SPAM e cestinati in automatico.
Vi preghiamo pertanto di essere concisi nei vostri commenti.