martedì, Aprile 23, 2024

Vittoria

-rete-CronacaInchiesteSocietà

Vittoria: qualcuno ‘sciolga’ i commissari

E sono venticinque. Parliamo dei mesi trascorsi dalla commissione straordinaria a capo del Comune di Vittoria, sciolto per mafia. Nel silenzio, distratto o acquiescente, delle istituzioni: dalla presidenza della Repubblica che il 2 agosto 2018 ha firmato il decreto di scioglimento degli organi comunali elettivi, al Consiglio dei Ministri che lo ha prima deliberato, al Ministro dell’Interno che lo ha, ancora prima, proposto.

Read More
-rete-Cronaca

Il Vicerè di Vittoria

Dopo due anni di amministrazione straordinaria del Comune di Vittoria ‘sciolto’ per mafia, saluta (ma non se ne va) la ‘triade commissariale guidata da Filippo Dispenza. Il quale, come altri prefetti, di funzione e di ‘titolo’, compare più volte nella lista dei sodali di Antonio Calogero Montante, l’imprenditore ex icona antimafia, condannato in primo grado dal Tribunale di Caltanissetta a 14 anni di reclusione per associazione per delinquere.  

Read More
-rete-SocietàStorie

Paola è morta di fatica nei campi

L’esodo in corso nutre un serbatoio di forza lavoro a basso costo che va a riempire i cantieri e i campi di tutta Italia. Dietro al caporalato esistono dinamiche difficili da sradicare. È un sistema che risulta conveniente ai più. Tramite i “caporali”, che nella loro organizzazione sono suddivisi in una gerarchia ben precisa (dai “capineri”, ai “caporali mafiosi”, ai “capi amministratori delegati”, ai “venditori”, agli “aguzzini” e tanti altri: la rosa di ruoli e compiti evidenziata dagli studi è ampia), viene arruolata e organizzata la manodopera per conto di imprenditori e proprietari di aziende agricole.

 

Read More
-rete-Cronaca

“Sarò il tuo peggiore incubo..”

Arrestato Gionbattista Ventura. Fra gli elementi a suo carico la polizia ha riscontrato le minacce nei confronti di Paolo Borrometi, direttore de “la Spia.it”, collaboratore dell’Agi ed editorialista presso diverse testate. Borrometi da quasi due anni vive sotto scorta. E’ “accusato” dai mafiosi di fare il proprio lavoro di giornalista, raccontando la criminalità organizzata in una provincia  considerata “babba” ma che – come è solito affermare – “babba non è”.

Read More