Pausa indiana

Hanno lasciato le loro famiglie per venire in Italia a lavorare, disposti a qualunque lavoro, onesto e dignitoso, perché permetta di guadagnare abbastanza da poter spedire qualche euro a casa. C’è chi non vede i propri familiari da sei mesi, chi da due anni, chi quattro, e qualcuno ha anche lasciato dei figli piccoli. Quello che colpisce, però è soprattutto la serenità e la dignità con cui parlano di queste cose, vedendoli sorriderci la vita sembra davvero più semplice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si informano i lettori che i commenti troppo lunghi potrebbero essere considerati SPAM e cestinati in automatico.
Vi preghiamo pertanto di essere concisi nei vostri commenti.