Operazione “Vecchia maniera”

Arrestato l’ex capo dei mazzarroti Melo Bisognano

L’ operazione “Vecchia maniera” condotta stamattina da uomini della Polizia di Stato del Commissariato di Barcellona Pozzo di Gotto, con la collaborazione della Squadra Mobile di Messina ha portato all’arresto di quattro persone accusate dei reati di attribuzione fittizia di titolarità societarie (art.12 quinquies D.L.306/92 L.203/91), tentata estorsione ed estorsione aggravata dal metodo mafioso e per l’appartenenza dell’autore ad associazione mafiosa.

Melo Bisognano

Il Gip del Tribunale di Messina, Monica Marino, su richiesta del Procuratore Capo della Repubblica Guido Lo Forte e dei P.M. Vito Di Giorgio e Angelo Cavallo della Direzione Distrettuale Antimafia, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di Carmelo Bisognano, nato a Mazzarrà Sant’Andrea (ME) il 23.8.1965, pregiudicato, condannato in via definitiva per associazione mafiosa quale promotore e capo della cosca mafiosa dei “mazzaroti”, articolazione della “famiglia” mafiosa di Barcellona P.G., dal 2010 collaboratore di giustizia, attualmente domiciliato in località protetta; Marino Tindaro, nato a Gioiosa Marea (ME) il 15.6.1960, pregiudicato, arrestato il 24.6.2011 nell’ambito dell’operazione “Pozzo 2”, condannato in data 14.1.2016 in via definitiva per concorso in associazione di tipo mafioso, attualmente agli arresti domiciliari; Angelo Lorisco, nato a Barcellona Pozzo di Gotto il 27.11.1967, residente in Mazzarrà Sant’Andrea, pregiudicato; Stefano Rottino, nato a Mazzarrà Sant’Andrea il 18.11.1972, ivi residente, pregiudicato, attualmente agli arresti domiciliari a Sant’Agata Militello.

I provvedimenti scaturiscono da una complessa attività investigativa, avviata nel 2015 dal Commissariato di Barcellona P.G., a margine delle indagini sulla famiglia mafiosa “dei barcellonesi” ed in particolare della sua storica costola “dei mazzarroti”, che condussero il 16 aprile 2015 all’arresto di otto esponenti della cosca di Mazzarrà Sant’Andrea per i reati di associazione mafiosa, estorsioni, detenzione e porto illegale di armi.

A Bisognano, Marino e Lorisco viene inoltre contestato, in concorso, il reato di false dichiarazioni ed a Bisognano e Lorisco il reato di favoreggiamento. Altre quattro persone sono indagate in stato di libertà per avere concorso nel reato di attribuzione fittizia di titolarità societarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si informano i lettori che i commenti troppo lunghi potrebbero essere considerati SPAM e cestinati in automatico.
Vi preghiamo pertanto di essere concisi nei vostri commenti.