L'isola di Danilo Dolci - I Siciliani Giovani

L’isola di Danilo Dolci

Conosceva pastori, pe­scatori, braccianti dei più sperduti paesi. Non li consolava con belle parole, ma li aiu­tava a guardare dentro la vita che era loro im­posta. E, anche, dentro se stes­si

Il 28 giugno avrebbe compiuto no­vant’anni: uno come lui ci farebbe an­cora comodo. Perché era uno che crede­va che la conoscenza fosse il principale mezzo di cambiamento delle società. E Dio solo sa quanto poco e quanto male siamo cambiati in questi anni pur defi­niti “età della conoscenza”.

A tutti la vita di Danilo dovrebbe sem­brare quella di un uomo con una marcia in più, ma normale: dotato di buona cultura, desideroso di cambiare il mondo (c’era stata l’esperienza di Nomadelfia), arrivato in Sicilia per ricerche archeologiche, “vede” (forse i guai iniziano proprio dal fatto che non sappiamo davvero “vedere”) la situazione di degrado che lo circonda e se ne sente responsabile. Quindi resta e si impegna per una cosa ‘romantica’ che si chiama il “riscatto” degli esclusi. Solo che lui fa sul serio e si dedica a tre obiettivi: fare conoscenza; fare denuncia; fare rivo­luzione (che è cosa serissima e nonviolen­ta).

Le sue indagini sul campo (Racconti si­ciliani, 1952/60, Banditi a Partinico, 1955 e Inchiesta a Palermo 1956) sono testi di storia italiana. Per capire il nostro tempo i giovani e i meno giovani smemorati, se vogliono rifare il punto sulle trasforma­zioni, formali e non formali, dell’Italia re­pubblicana, possono utilmente partire dal­la Sicilia degli anni Cinquanta e Sessanta, alla scoperta delle radici del continuo scorrere sotterraneo e pieno di diramazio­ni di quella linfa carsica e piena di vita, ma anche di tossico, di cui tutti gli italiani sono portatori.

Dolci registra le piaghe dell’analfabeti­smo, delle diverse forme di sfruttamento e di conseguente passività, della rassegna­zione disposta all’obbedien­za ai potenti di chi non ha lavoro e della corruzione di chi vuol comandare. Piaghe endemiche, inte­riorizzate, persistenti an­che nel graduale benessere che via via avanza: le denunce di Dolci davano fasti­dio ai governanti del tempo che lo perse­guitarono. Oggi quelli attuali possono ce­lebrarlo senza problemi (ma è interessante constatare che non lo fanno): se la gente passa le domeniche nei centri commercia­li, i diritti di cittadinanza nel segno della dignità comune possono restare ignorati.

Eppure è anche la rimozione di certi au­tori del passato che impedisce di prendere atto che i problemi “sociali” vanno ancor oggi condotti a soluzioni funzionali al bene “sociale”. Invece vengono prima le ragioni del mercato e quindi degli interes­si, e quindi della corruzione.

Ed è per que­sto che oggi un’inchiesta sulla mafia Dolci la farebbe a Milano, non a Palermo; a Modena e non a Partinico.

Negli anni Cinquanta del secolo scorso stava per realizzarsi il boom economico: ne derivarono i “carrozzoni” e le metafori­che Casse del Mezzogiorno. E’ ingenuo dirlo, ma era possibile che i sacrifici che la gente allora sosteneva per uscire dalla miseria, insegnassero quel senso dello sta­to di cui gli italiani non riescono mai a farsi responsabili.

Dire pubblicamente come stanno le cose

Come cittadino scomo­do, Dolci diceva pubblicamente come sta­vano le cose, per­ché ciascuno si assumes­se la sua parte di responsabilità, a partire dal basso.

Diceva le cose che non si vole­vano ve­dere: bambini “affittati” per fare i pastori o per imparare il borseggio; ragaz­zi sfrut­tati che “non so se ho 17 o 19 anni… a scuola mai ci sono andato”, “sono analfa­beto”; altri finiti ignari in galera (“gli sbir­ri ci portarono tutti in prigione”); contadi­ni arrestati “per due mazzi d’erba”, malati a cui “per qualunque malattia ser­vono le mignatte”; crolli di case per frane prevedi­bili perché “quando c’è vento le case si muovono” e, dentro, “essendo il tetto qua­si sfondato, quando piove devono mettere sui letti le bacinelle”.

In Sicilia Dolci “conosceva” pastori, pe­scatori, braccianti, mezzadri, campieri e tanta gente che, quando uno veniva ucciso per strada, “sparato”, ed era conosciuto come un violento appartenente ad una “fa­miglia”, diceva “bono fecero” e taceva.

Quando i cittadini andavano a votare “non capiscono ciò che significa un parti­to” perché vedevano morire i sindacalisti e i politici di sinistra, i soli che gli inse­gnavano il senso dei loro diritti. “I delin­quenti – dicevano – sono protetti dal go­verno”. Nel 1954 Dolci denuncia il “disa­vanzo del Comune di Palermo”, il fatto che “il 50 % dell’acqua immessa nella rete va dispersa”, che “le condizioni abitative nei quartieri della vecchia Palermo”, come nei bassi di Napoli, “è spaventosa”: noi oggi leggiamo con qualche perplessità sulla data.

C’erano, non lo si deve dimenticare, quelli come Placido Rizzotto, che “cerca­va l’interesse della gente” e si era messo contro i mafiosi: “ci rubavano l’olio ai contadini… e tra gli esercenti c’è sempre la mafia”.

Quanto alle terre incolte da dare ai con­tadini “queste terre le avevano tutte i ma­fiosi nelle mani”. C’era il razio­namento: “anche i magazzini li avevano i mafio­si nelle mani e intrallazzavano con il zuc­chero, intrallazzavano con la farina, in­trallazzavano con la pasta, e oltre a que­sti intrallazzi erano riusciti a mettere un so­vrapprezzo a questi generi mediante l’accordo con un assessore comunale”. L’amico di Placido che racconta a Dolci queste cose conservando l’anonimo, certa­mente “un compagno”, conclude tragica­mente: “per questo l’ammazzarono”. E confessa che, se vuol lavorare e sopravvi­vere, “devo uniformarmi all’ambiente”.

Un ambiente che descrive così: “gente che ammazza e poi porta la Madonna in processione… I ricchi, la Chiesa hanno paura che le cose possano cambiare in loro danno, ma i poveri sono enormemen­te sfiduciati. Per i ricchi il mondo è quello che è, adoperano tutti i mezzi per tenerlo nello stesso stato in cui si trova. E il Mu­nicipio, di sinistra, non li manda via per­ché uno dice ‘qui comanda la scopetta e io mi devo far ammazzare?’… i braccian­ti, i contadini ci credevano che le cose po­tessero cambiare, oggi non più…. La Ca­mera del lavoro si è rifatta più forte di pri­ma che ci fosse Placido, molto più forte. Ma come fruttò? non abbiamo ottenuto niente, la gente si è sgretolata…”.

Non è fatalismo meridionale: capita tut­tora in tutti i paesi poveri che subiscono l’urto della crisi. E’ un dato umano su cui contano i poteri forti. Danilo Dolci inse­gnava – e dimostrava – che non è fatalità.

A Trappeto, dove visse, l’idea del ri­scatto sociale si fece realtà mediante la creazio­ne (che gli riuscì di realizzare con l’aiuto degli amici solidali) di strutture e pro­grammi: assistenza, in primo luogo sa­nitaria, scuola e asili per i bimbi, universi­tà popolare e biblioteca, interventi per il di­ritto al lavoro. Il 2 febbraio 1956 fu ar­restato alla testa di un gruppo di lavoratori che autonomamente riassestavano una trazzera, una strada abbandonata: una pro­vocazione che, arrivata alla stampa, fu chiamata “sciopero alla rovescia”. A tutti i manifestanti fu negata la libertà provviso­ria per “occupazione di suolo pubblico e resistenza alla forza pubblica”.

Diritto dei cittadini, dovere dello Stato

Dolci, una volta scarcerato (ma condan­nato, non as­solto, nonostante le reazioni in tutta Italia) scrisse Processo all’art.4 della Costituzio­ne, quello che rende il la­voro non solo un diritto dei cittadini, ma anche un dovere dello Stato.

Se il territorio di Partinico non cambie­rà – diceva Danilo – e i motopescherecci pescheranno ancora fuori legge, i poveri non avranno assistenza o i ragazzi scuola e se continueranno le “ammazzatine”, questo processo almeno impedirà che si possa dire “non sapevamo”. Quanto a lui, “meglio in galera con le vittime che liberi se privilegiati”. Uno così ha incrociato al­tre volte la “giustizia”, da ultimo quando denunciò, insieme con il giornalista Fran­co Alasia e con ampiezza di documenta­zione (cfr. Spreco, 1960 e Chi gioca solo 1966) l’incrocio mafia/politica di espo­nenti importanti della vita politica sicilia­na e nazionale, tra cui i democristiani on. Calogero Volpe e il ministro Bernardo Mattarella democristiani, che querelarono. Fu un processo-scandalo: durò sette anni e finì con una condanna non scontata in car­cere per amnistia.

Anche in questo caso valeva la testimo­nianza pubblica: non si poteva dire che non si sapeva che cosa fosse la mafia.

“Subire e tacere è peggio del ricatto”

Ai tempi di Trappeto e del “Borgo di Dio” non si parlava comunemente di “ma­fia”, si usava il più anodino “banditismo”.

Ma Dolci denuncia fin dagli anni Cin­quanta che in quel paese di 3.000 anime, in cinque anni un mugnaio era stato se­questrato tre settimane “per 20 milioni”, si era verificata una ventina di estorsioni forti, oltre ad una cinquantina per cifre in­feriori al milione.

Nessun dubbio, dunque, sulla qualità della presenza criminale. Ma “su­bire e ta­cere” è peggio del ricatto. Dolci non si stancò , come è noto, di denunciare e fare digiuni di protesta: altrimenti “mi vergo­gnerei di sopravvivere”.

Noi non ci vergogniamo abbastanza. Ma non noi di Palermo o di Partinico, bensì noi di Milano, di Modena. Di Roma. Eppure viviamo nell’ “età della conoscen­za”.

“C’è chi insegna / guidando gli altri come cavalli / passo per passo: / forse c’è chi si sente soddisfatto / così guidato. / C’è chi insegna lodando / quanto trova di buono e divertente: / c’è pure chi si sente soddisfatto se si sente incoraggiato. / C’è pure chi educa senza nascondere / l’assur­do che è nel mondo, aperto ad ogni / svi­luppo, ma cercando / d’essere franco all’altro come a sé, / sognando gli altri come ora non sono: / ciascuno cresce solo se sognato”

(Poema umano, Einaudi, 1974)

Un pensiero su “L’isola di Danilo Dolci

  • 25/08/2017 in 06:35
    Permalink

    Sapeva che era fuorilegge, un giorno pens perfino di installarla su un barcone che avrebbe navigato al largo dell isola, in alto mare, fuori dalla sovranit dello Stato italiano.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.