L’Insula nello ZEN

Doveva essere un quartiere con servizi, zone verdi, biblioteche. Un quartiere vivibile, nuovo modello di edilizia popolare. Poi i ritardi burocratici, la scarsa attenzione dei politici, infrastrutture primarie non realizzate e l’occupazione abusiva delle case non ancora collaudate, senza acqua né luce, hanno contribuito a far sprofondare il quartiere nell’attuale situazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *