Sicilia – Contare i voti

In Sicilia (come in Veneto, altro paese che non ha mai visto elezioni) il qualunquismo attuale ha quindi delle solide basi, neanche del tutto del tutto prive di motivazioni. Da ciò alcuni episodi, unici nei paesi occidentali, di inciviltà “elettorale” (…).

Per i novantacinque anni di Nicola Cipolla

Nicola Cipolla è uno dei più importanti protagonisti della vita sindacale, politica e parlamentare siciliana. I suoi novantacinque anni coincidono con la grande risposta elettorale del popolo italiano in difesa della nostra Costituzione e dei valori della democrazia.

La Costituzione

Dovremmo ringraziare Renzi per averci ricordato, a modo suo, che avevamo una Costituzione. Una Costituzione mai applicata del tutto, o solo in una parte del Paese, e alla fine completamente cancellata.

Il punto zero della democrazia

Gian Carlo Caselli

Sono vicine al traguardo riforme costi­tuzionali che segneranno per decenni il nostro futuro e la qualità della democra­zia italiana. Secondo Gustavo Zagrebel­sky siamo “quasi al punto zero della de­mocrazia”. E tuttavia – ammonisce Mi­chele Ainis – la riforma “cade nel silen­zio degli astanti” come se non ci riguar­dasse più di tanto. Proviamo allora a ra­gionarci un poco su

Kalashnikov

Nando dalla Chiesa

Sul palco c’erano Gian Carlo Caselli e Alfonso Sabella, suo pupil­lo ai tempi eroici della procura di Pa­lermo dopo le stragi. Ambiente: aperta campagna, terreno sequestrato alla camorra, il campo dei giovani di Libera a Borgo Sabotino. Hanno det­to cose importanti tutti e due. Ma qui riporto a memoria un episodio rac­contato da Sabella, perché mi ha sgomentato.