Tolta la scorta al giornalista Sandro Ruotolo

Da lunedì il giornalista campano sarà senza protezione

Revocata la scorta a Sandro Ruotolo, il giornalista napoletano che ha denunciato la camorra. A darne notizia, con un post su Twitter, è stato l’ex ministro della Giustizia Andrea Orlando.

Foto: Agenzia Dire

“Hanno tolto la scorta a Sandro Ruotolo, giornalista da sempre impegnato in inchieste sulle mafie. È anche il giornalista che si è occupato della Bestia, il dispositivo propagandistico del ministro dell’interno. Casualità? Lo chiederò in parlamento”, ha scritto Orlando.

Sulla vicenda sono intervenuti anche la Federazione Nazionale della Stampa Italiana e il Sindacato unitario giornalisti della Campania, che hanno inviato una lettera al Premier Giuseppe Conte affinché riveda il provvedimento. “Le segnaliamo l’improvvisa decisione di levare la scorta a Sandro Ruotolo, coraggioso cronista sottoposto a vigilanza dopo le sue inchieste sulla camorra – scrivono il segretario generale e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti insieme con il segretario del Sugc Claudio Silvestri -. Lei medesimo, di recente a Napoli, ha avuto modo di apprezzare il coraggio e l’autorevolezza professionale di Ruotolo e avrà modo di ribadire anche la sua contrarietà a questa decisione. Le sue inchieste, pubblicate da Fanpage.it, hanno contributo ad illuminare territori occupati dalle mafie e hanno aiutato lo Stato a contrastarle. Levargli la scorta – si legge ancora – sarebbe una scelta incomprensibile, pericolosa e lo metterebbe in condizione di non poter più proseguire nell’impegno di questi anni. Siamo certi che non mancherà di far sentire la sua voce a sostegno di questa battaglia di civiltà e di libertà”.

La revoca, secondo quanto si apprende, dovrebbe scattare lunedì. Ruotolo, ex inviato di Michele Santoro, dal 2017 collabora con la testata online Fanpage.it. La scorta gli era stata assegnata nel 2015, a seguito delle minacce ricevute da Michele Zagaria, boss mai pentito dei Casalesi, infastidito dalle sue inchieste sul traffico di rifiuti tossici in Campania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si informano i lettori che i commenti troppo lunghi potrebbero essere considerati SPAM e cestinati in automatico.
Vi preghiamo pertanto di essere concisi nei vostri commenti.