Rewind/Forward

FORWARD

accadde domani

 

Le immagini

DELLE DONNE

È in corso a Padova presso la Galle­ria Samonà (via Roma), la mostra foto­grafica Women through my lens, della fotografa italo-giordano-palestinese Fatima Abbadi (fino al 3 giugno). Le fotografie ritraggono le donne nella loro vita quotidiana sia in Europa che in Medio Oriente, con lo scopo di met­tere in risalto le somiglianze tra le don­ne arabe e quelle europee. La mostra è anche l’occasione per presentare tre storie di donne pioniere della cultura palestinese del ventesimo secolo.
Si tratta di Karimeh Abbud, la prima foto­grafa donna della Palestina e del Me­dioriente, Kulthum Odeh, la prima donna accademica (ebbe una cattedra a Mosca), Hind Husseini, fondatrice di un istituto per i bambini scampati alla distruzione del villaggio di Deir Yas­sin, avvenuta il 9 aprile 1948.
http://www.forumpalestina.org/news/2012/Maggio12/16PadovaMostraFoto­grafica.pdf

 

Una partita

CONTRO LA VIOLENZA

Il 29 maggio le donne potranno assi­stere gratuitamente alla partita amiche­vole tra la nazionale italiana di calcio e il Lussemburgo in programma a Par­ma. La Federazione italiana gioco cal­cio (Figc) ha aderito infatti alla campa­gna contro la violenza sulle donne lan­ciata dall’associazione Se non ora quando, adottando lo slogan “La vio­lenza sulle donne è un problema degli uomini. Insieme possiamo vincere que­sta partita”.
http://www.senonoraquando.eu/?p=10203

 

Piazza precaria

“IL NOSTRO TEMPO E’ ADESSO”

Sabato 26 maggio i precari della rete Il nostro tempo è adesso in piazza per chiedere al governo di mettere al cen­tro della propria azione il tema della precarietà. Il punto di par­tenza è un ap­pello lanciato in rete, dal titolo La me­glio gioventù, che ha rac­colto in poco tempo migliaia di adesio­ni.
Estremam­ente critico verso le misu­re varate dal governo Monti, che non hanno scalfito la giungla delle 46 for­me con­trattuali né introdotto un reddito mini­mo, l’appello contiene invece la richie­sta di investire sull’istruzione e la ri­cerca e di riconvertire ecologicamen­te il sistema industriale italiano. Tra le al­tre richie­ste figurano il diritto ad un equo com­penso, il diritto alla mater­nità-paternità e alla malattia, il diritto a una pensione dignitosa, i diritti sinda­cali.
http://lamegliogioventu.org/

 

I nostri nuovi

CONCITTADINI

Il 2 giugno, festa della Repubblica, tutti i bambini e i ragazzi stranieri tra i 6 e i 18 anni residenti a Scandicci (Fi­renze) riceveranno la cittadinanza ono­raria. Non è la prima volta che un’amministrazione comunale ricorre a questo gesto, che ha solo un valore simbolico e non giuridico. Nelle inten­zioni del consiglio comunale, si tratta di una presa di posizione a favore dello ius soli, ovvero il conferimento della cittadinanza al momento della nascita in Italia, indipendentemente dalla citta­dinanza dei propri genitori.
http://www.comune.scandicci.fi.it/in­dex.php/notizie/2566-ius-soli-il-2-giugno-cittadinanza-onorar­ia-ai-ragazzi-stranieri-nati-in-italia.html

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si informano i lettori che i commenti troppo lunghi potrebbero essere considerati SPAM e cestinati in automatico.
Vi preghiamo pertanto di essere concisi nei vostri commenti.