Cile 2019

Dal 18 ottobre profonda e ininterrotta protesta sociale. Nelle strade, nei bus, in tv tutti parlano, nessuno è indifferente. Tiro alla fune fra conservazione e cambiamento: come finirà?

La relatività del male

D’altronde legislazioni dei paesi europei rendono il traffico illegale l’unico modo per raggiungere le coste europee: così, come i topi in gabbia, degli esseri umani, colpevoli soltanto di essere nati nella parte sbagliata del globo, affidano la loro vita alla speranza. Perché in Libia c’è la guerra, quella con le bombe, le mitragliatrici e il coprifuoco. Quella che formalmente il nostro paese ripudia ma che spesso sostiene in modo neanche troppo celato. Quella che, con la stessa facilità con cui a Risiko si spazzano dal tabellone i carri armati nemici, uccide civili: uomini, donne, bambini. Quella che noi italiani, fortunatamente, conosciamo solo dalla lettura dei libri di storia o dai racconti, neanche troppo nitidi, dei nostri nonni.

A Camilo Catrillanca, compagno

In molti e molte ti ricordano resistendo e così anch’io ti ricordo scrivendo dall’altra parte del mondo. Il tuo popolo vuole la terra rubata dallo Stato, tu sei la rivoluzione.

Non lasciateci bruciare vivi

Ad agosto migliaia di incendi hanno colpito l’Amazzonia, la foresta tropicale più estesa del Pianeta, che è compresa tra Bolivia, Brasile, Paraguay, Perù, Colombia, Venezuela, Ecuador, Guyana, Guyana francese e Suriname. La foresta conserva il 20% dell’acqua globale e il 10% delle specie animali, inoltre immagazzina il 25% del carbonio presente sulla Terra. Le fiamme che stanno consumando l’Amazzonia riguardano tutto il Pianeta: aumentano gli incendi, aumentano le emissioni di gas serra.