Lentini, attentato allo Stadio Comunale, incendiata la sala stampa - I Siciliani Giovani

Lentini, attentato allo Stadio Comunale, incendiata la sala stampa

Altro attentato in perfetto stile mafioso a Lentini. Stavolta, a pagarne le conseguenze, lo stadio comunale “Angelino Nobile” sito in Via Dello Stadio, sede della società Sicula Leonzio, classificata nel girone D del campionato di Promozione.

Foto di Danilo Daquino

Secondo le prime ricostruzioni dei Carabinieri del locale distretto e dei Vigili Del Fuoco intervenuti sul posto in seguito alle innumerevoli segnalazioni da parte degli abitanti del quartiere, alle ore 2:40 circa di ieri, ignoti avrebbero introdotto del liquido infiammabile, attraverso una finestra, all’interno della Sala Stampa e hanno appiccato le fiamme. Il fuoco ha in poco tempo distrutto tutto il materiale presente all’interno dell’ufficio, comprese stampanti, computer, scrivanie, armadi e gigantografia, propagandosi, aiutato dai malviventi che nel frattempo hanno scavalcato il muro di cinta del parcheggio, in un’adiacente aula adibita a magazzino, dov’è rimasto irrecuperabile tutto il materiale utilizzato per la manutenzione del verde. I pompieri hanno messo in sicurezza quasi immediatamente la struttura. I danni ammonterebbero a oltre 15mila euro.

[vaiallarete indirizzolink=”http://www.telejato.it/home/cronaca/lentini-attentato-allo-stadio-comunale-incendiata-la-sala-stampa/”]

Danilo Daquino

Nato e cresciuto a Lentini (Sicilia), studente e coordinatore di un'associazione locale, estremo difensore dei valori della Legalità, della Giustizia e della Libertà. Da sempre impegnato nel sociale e dedito all'aiuto degli ultimi e dei più deboli, nel 2014 è stato premiato con una borsa di studio per la Solidarietà. Collabora con le redazioni di Telejato Notizie e Telejunior ormai da parecchi anni, come cameraman, intervistatore, scrittore e conduttore del TG, grazie alla sua passione per il giornalismo d'inchiesta che nutre sin da adolescente. Per conto delle due emittenti televisive, sta curando un'inchiesta sul record di morti per leucemia nei comuni del Siracusano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.