La discarica? “Cosa” loro

Ne racconta di cose il nuovo pentito del clan dei mazzarroti, costola della famiglia mafiosa di Barcellona P.G. (ME) Salvatore Artino, figlio di Ignazio, uomo ai vertici del gruppo criminale poi assassinato da Salvatore Campisi − oggi collaboratore di giustizia − nel 2011, per il controllo sul territorio da Mazzarrà a Terme Vigliatore.

Dal ruolo rivestito dall’imprenditore Rotella, detto u baruni e dal professore universitario Nello Giambò nella gestione della discarica di Mazzarà, all’omicidio Rottino, ma anche delle pressioni alle elezioni del 2007 di Mazzarrà S. Andrea.

Oltre a confermare quanto già rivelato dai pentiti Carmelo Bisognano e Santo Gullo, i primi a far luce sulle dinamiche criminali della mafia tirrenica, le dichiarazioni di Artino confermano lo stretto legame tra il Giambo, presidente all’epoca della Tirrenoambiente (la società proprietaria della discarica), e il Rotella al quale faceva avere tutte le “commesse” all’interno della discarica.

Molto precise anche quelle su movente, mandanti ed esecutori materiali dell’omicidio di Antonino Rottino, avvenuto nel 2006.

Perché morì Rottino?

Secondo il neo pentito «…è stato ucciso in quanto aveva trattenuto i 120 mila euro provento di estorsioni con le quali aveva realizzato un vivaio».

Chi furono gli esecutori?

Racconta Artino «…sono a conoscenza dei particolari dell’omicidio di Rottino Antonino commesso da mio padre Artino Ignazio e Munafò Aldo con la partecipazione di Bucalo Angelo e Giovanni Pino i quali hanno accompagnato i killer sul luogo del delitto… due giorni dopo l’omicidio il Munafò che incontrai davanti ad un bar mi disse che il Rottino non doveva dargli fastidio e conseguentemente egli gli aveva “spaccato il culo”».

Il neo pentito ha parlato anche dei “rapporti” della cosca con la politica locale, ed in particolare delle elezioni che si tennero a Mazzarrà Sant’Andrea nel 2007 che videro la vittoria di Navarra, definito un “pupo che si limitava a firmare e basta”, essendo le vera gestione nelle mani dell’ex sindaco Nello Giambò e dell’allora assessore al bilancio Carmelo Pietrafitta.

Secondo il collaboratore il boss Tindaro Calabrese fece pressioni e minacciò l’allora candidato Pietro Torre per farlo ritirare dalla competizione. «… mio padre Ignazio il quale mi disse anche esplicitamente che Calabrese Tindaro costrinse Pietro Torre a ritirarsi dalla competizione elettorale».

Un’elezione che avrebbe fruttato ai mazzarroti la considerevole somma di un milione e mezzo di euro “spalmata” in cinque anni, consegnati per tramite proprio dell’assessore Pietrafitta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si informano i lettori che i commenti troppo lunghi potrebbero essere considerati SPAM e cestinati in automatico.
Vi preghiamo pertanto di essere concisi nei vostri commenti.