Napoli – Je so’ pazzo, tra memoria e speranza

Nato come convento, poi utilizzato come Ospedale Psichiatrico Giudiziario. Per quasi un secolo ha ospitato internati da ogni parte d’Italia, sofferenti psichici autori di reati, che venivano  dimenticati, come accadde a Vito De Rosa, internato per quaranta anni, fino a quando nel 2003 ottenne la grazia del Presidente della Repubblica.