Thyssen, Eternit e i diritti tutelati dalla Magistratura

Una volta i Procuratori generali facevano a gara nel presentare gli infortuni sul lavoro come mere fatalità. A Torino, di fatto, la regola era che in fabbrica non si poteva morire: nel senso che se capitava un incidente mortale, l’ambulanza doveva subito trasportare l’infortunato in ospedale, perché lì apparisse avvenuto il decesso. Oggi il problema della sicurezza sui posti di lavoro è ancora tragico. E fa benissimo il Capo dello stato a ricordarcelo spesso. Siamo tutt’ora in cima alle statistiche europee, con l’aggravante che da noi stranieri e minori hanno ancor più probabilità di infortunarsi di quella – già elevata – dei lavoratori “indigeni”.

Eppure qualcosa è cambiato. Lo provano i processi di Torino per il rogo della Thissen Krupp e quello Eternit per l’amianto che ha causato oltre 2.200 vittime, delle quali 1.649 uccise. Testimonianza di una nuova sensibilità e cultura per la tutela di fondamentali diritti dei cittadini , la sicurezza nei posti di lavoro e la salute. La prova che questi diritti, scolpiti nella Costituzione, cessano di essere scatole vuote e si trasformano in realtà vivente quando funzionano gli strumenti che la stessa Costituzione prevede a presidio di essi.

Primo presidio – fra i tanti – è la magistratura, purchè autonoma ed indipendente, capace cioè di fare il suo dovere senza timori reverenziali per questo o quel potente. Proprio il contrario di quel che tanti vorrebbero, come dimostra il recentissimo colpo di mano del Parlamento sulla responsabilità civile dei giudici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.