Napoli. Nicola Cosentino rinviato a giudizio - I Siciliani Giovani

Napoli. Nicola Cosentino rinviato a giudizio

La somma di 23 accuse ha un risultato: Nicola Cosentino, deputato Pdl, già sottosegretario all’Economia con delega al Cipe nel governo Berlusconi ed ex coordinatore del Pdl in Campania è stato rinviato a giudizio. La decisione è stata presa dopo una breve camera di consiglio dal giudice per l’udienza preliminare Eduardo De Gregorio che ha fissato la prima udienza per il 23 gennaio prossimo davanti alla prima sezione del Tribunale Collegio A. L’inchiesta dei pm anticamorra trovano anche nell’udienza davanti al Gup fondatezza e sostanza: c’è tutto il contesto collusivo in cui sarebbe maturato l’operazione “il Principe” cioè la costruzione del centro commerciale (poi non realizzato) a Casal di Principe a opera della società Vian srl con capitali, sostiene la Dda, della camorra e con lo sponsor politico di Nicola Cosentino. L’ex sottosegretario avrebbe partecipato all’affare intervenendo su Unicredit per sbloccare il finanziamento schermo da 5 milioni di euro necessari per acquistare i terreni che con la complicità di alcuni funzionari la si presentò come un esproprio per utilità pubblica. Chi si rifiutava di aderire all’offerta si trovava gli uomini della cosca alle calcagna. Poi c’è la vicenda del cambio degli assegni e l’ipotesi di concorso esterno nell’associazione mafiosa per favorire uomini della cosca dei Casalesi. Per tutte queste ragione il pm Antonello Ardituro ed Henry John Woodcock hanno chiesto e ottenuto il rinvio a giudizio del deputato di Casal di Principe. Certo ora si pone ancora con più forza l’opportunità di ricandidare Nicola Cosentino al Parlamento nelle fila del Pdl, un politico già gravato da altri procedimenti penali e processi e al suo ed eventuale al quinto mandato elettorale [vaiallarete indirizzolink=”http://www.ladomenicasettimanale.it/index.php/77-archivio/notizie/238-cosentino-rinviato-a-giudizio”]

arnaldo

Sono solo un cronista. Ho un blog sul Fatto quotidiano http://www.ilfattoquotidiano.it/blog/acapezzuto/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.