La favola industriale del “triangolo della morte” siciliano - I Siciliani Giovani

La favola industriale del “triangolo della morte” siciliano

Trenta chilometri di raffinerie e fabbriche altamente inquinanti: la più alta concentra­zione d’inquinamento di tutta Europa

 «Viviamo come se ci trovassimo in una stanza chiusa insieme con novanta fumatori. Questa parte della Sicilia è conosciuta come il “Triangolo della morte” perché alla diffusione notevole delle industrie di quegli anni è seguìto un notevole aumento di nascite con malformazioni, leucemie e tumori alle vie intestinali e polmonari. Qui sono presenti tutte le forme d’inquinamen­to: quello della falda acquifera, quello atmosferico e quello dell’ambiente ma­rino»

Fino alle porte di Siracusa

L’area di cui parla il Dott. Solarino, presidente di Decontaminazione Sicilia e docente di Scienze chimiche all’Universi­tà di Catania, è quella del polo petrolchi­mico siracusano.

Trenta chilometri di costa, da Au­gusta alle porte di Siracusa, interamente occupata dagli stabilimenti e dalle raffi­nerie di petrolio. La più alta concentra­zione d’Europa.

«Fino al 1982 le industrie sono state prive di controlli: sali di mercurio, cro­mo, piombo, idrocarburi, pesticidi, oli minerali, ammoniaca venivano scaricati in mare. Non esisteva un interesse a con­trollare, era il periodo delle tangenti, del­lo scandalo Isab, delle autorizzazioni fa­cili; per il problema del “mare rosso” fu­rono arrestate 17 persone, funzionari del­la Enichem, oggi Syndial, per lo scarico in mare di mercurio e sali di ferro, tanto da cambiare il colore del mare appunto in rosso. E’ evidente che il mercurio at­traverso i pesci finiva nella catena ali­mentare, trasformandosi nella prima cau­sa di tumori intestinali e malformazioni congenite».

L’indagine del 1980

L’indagine iniziò nel 1980, quando il medico Giacinto Franco, ex primario dell’ospedale civile di Augusta, e mem­bro di ISDE, Medici per l’ambiente, si ri­volse al Pretore. Il medico vide crescere in misura esponenziale gli aborti sponta­nei e l’imporsi di malformazioni cardia­che, all’apparato digerente e a quello urogenitale e un notevole incremento di malattie tumorali. «Era conseguenza cer­ta dell’inquinamento da diossina e furani. Sapevo e decisi subito di non stare zitto, se uno sa e tace per me è complice».

«Tutto cominciò con le ripetute morie di pesce» continua il dott. Franco «dava­no la colpa alle microalghe e invece sco­primmo che fino a quel momento aveva­no scaricato in mare di tutto.

Decisi di sottoporre tutte le mie ricer­che al procu­ratore Condorelli che denun­ziò l’intera giunta regionale e i sindaci dell’area a ri­schio per tutte quelle auto­rizzazioni fa­cilmente concesse.

“La favola industriale” di Alessio di Modica.

“Poi il giudice fu trasferito”

Per qualche anno le indagini andarono avanti fino a quando il pretore nel 1984 fu pro­mosso e trasferito a Verona e si ri­cominciò a far come volevano.»

«Alcuni anni fa presentammo una pro­posta di legge in cui chiedevamo che nei terreni intorno alle industrie venissero vietate coltivazioni di verdure preferendo la semina di piante oleaginose, come gi­rasoli e colze, che producono oli che non finiscono sulla tavola ma che possono es­sere riutilizzati in impianti di biodiesel, facendo cosi salva la catena alimentare» ci spiega il prof. Solarino, e in effetti nel 2009 con decreto autorizzativo dell’Assessorato regionale all’Industria, si autorizzava il primo impianto per la produzione di biodiesel in Sicilia, che avrebbe dovuto sorgere nell’area bonifi­cata della Syndial.

Stabilimenti obsoleti

Ma la strada si è presentata subito im­pervia e due anni fa, l’Ecoil, l’azienda romana incaricata alla costruzione dell’impianto, si è vista negare dalla Re­gione siciliana i finanziamenti prove­nienti dai fondi europei.

Gli impianti dell’Ecoil non furono rite­nuti rientranti tra quelli ad energie rinno­vabili e cosi il progetto “Biodiesel Sici­lia”, tra mancan­ze di fondi e ricorsi lega­li, è rimasto bloccato nei meandri della burocrazia.

Ma l’inquinamento non è il solo pro­blema che affligge quest’area. Il prof. Solarino è fortemente preoccupato per lo stato di sicurezza degli stabilimenti, con­siderati ormai obsoleti e non a norma ri­spetto ai moderni standard antisismici.

Alto rischio sismico

«Questa è una zona ad alto rischio si­smico. Già nel 1990, a causa di una scos­sa, un grosso serbatoio spanciò, per fortu­na senza aprirsi.

Se ciò dovesse accadere nuovamente, ma­gari con scosse più po­tenti, questi ser­batoi potrebbero collassa­re, riversando nel suolo prodotti petroli­feri facilmente infiammabili che vaporiz­zerebbero im­mediatamente formando una nuvola di fuoco e incendiando anche quegli oli combustibili finiti in mare. Le conse­guenze sulle persone e sul territorio sa­rebbero catastrofiche» conclude il pro­fessore.

Le industrie chimi­che e petrolchimiche RIR – cioè “ad alto rischio di incidente rilevante” – sono ben undici in questo breve tratto di costa.

«Gli impianti non sono mai stati am­modernati. In alcuni casi non si può nem­meno parlare di strutture obsolete, ma semplicemente di strutture che in nes­sun’altra parte del mondo vengono più utilizzate.

Controlli solo tre volte l’anno

A Siracusa l’attività di monito­raggio viene svolta dall’ARPA, l’Agen­zia regio­nale, dal CIPA, il consorzio fon­dato dalle industrie, e dall’Enel. Ho fidu­cia nei con­trolli dell’ARPA ma questi controlli ven­goo effettuati tre volte l’anno per otto ore giornaliere, contro le ol­tre ottomila ore di produzione. Come può definirsi controllo questo? »

In Italia non esiste una normativa anti­sismica specifica e la tipologia d’impian­ti del Polo industriale fu progettata con un carico sismico uguale a quello dei normali edifici civili: ciò significa che, in caso di un forte terremoto o maremoto, questi stabilimenti potrebbero cedere col rischio di causare il più grave disastro ambientale nella storia del Mediterraneo.

Un pensiero su “La favola industriale del “triangolo della morte” siciliano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.