“Ho bisogno di soldi per l'uovo di Pasqua” - I Siciliani Giovani

“Ho bisogno di soldi per l’uovo di Pasqua”

“E quindi ora mi met­to a spacciare”. Lo dice un ragazzino del quartiere, nel crocchio dei suoi amici…

“Ho bisogno di soldi: devo comprare un uovo di Pasqua”. E comincia a spacciare. Sguardo basso, gli occhi fis­sano i piedi che si muovono avanti e indietro nervosamente. Lo sguardo si alza, per un istante, solo quando pro­nunciano il suo nome. Poi, torna subito giù; il suo sguardo non sembra capire lo sgomento di chi gli sta intorno.

Un cerchio di persone si è formato intorno a lui. Sono ragazzi più grandi di lui e sono preoccupati. L’hanno sentito parlare con i suoi coetanei. Gli hanno sentito dire: “Se devi spacciare, ‘a spacciari bonu” (devi spacciare bene).

Il suo nome non ha importanza: l’età, invece, sì. È un ragazzo che ha, da poco, compiuto sedici anni e che vive nel quartiere di San Cristoforo, a Catania. Chi ti ha proposto di spacciare? Quanto ti hanno promesso? Sai cosa rischi se ti beccano? gli chiedono i ragazzi che si sono fermati intorno.

Lui, mani dietro la schiena e testa bassa, risponde che è un’idea che gli è venuta così, nessuno gli ha detto niente. Ha bisogno di soldi, dice che vuole fare un regalo alla sua ragazza, vuole regalarle un uovo di Pasqua. Racconta che ha cercato di trovarsi un lavoretto, ma, dove lo prendevano non lo pagavano mai, o gli davano molto meno di quanto gli promettevano.

Dice che ha scaricato i camion, per due mesi, casse di acqua per 20 euro la settimana, mattina e pomeriggio, domenica inclusa. I soldi a casa sono pochi; suo padre lavora tutto il giorno portando bombole a domicilio e sua madre cerca di arrotondare con lavori di pulizia, quando ci sono.

Un ragazzo, che lo stava ad ascoltare gli racconta che, una volta, ha ricevuto un’offerta di 400 euro per fare il palo per ragazzi che dovevano spacciare; lui aveva rifiutato e, a coloro che gli avevano offerto quel “lavoro”, aveva detto che preferiva spaccarsi le mani nei campi per 30 euro al giorno.

Un altro ragazzo cerca di fargli capire che, se lo beccano, per lui sarà dura. Non potrà rivedere la sua ragazza. Avrà bisogno di un avvocato ma soldi non ne avrà, e rischierà di rimanere dentro per tanto tempo. Gli racconta che l’esperienza del carcere è massacrante, che vedere il mondo da dietro le sbarre ti uccide lentamente. Qualcuno gli chiede nuovamente chi sia stato a proporgli di spacciare, ma ottiene sempre la stessa risposta.

Forse è vero che nessuno gli ha proposto di spacciare; forse quel ragazzo ha visto soltanto un’opportunità facile per fare un po’ di soldi. Tanti suoi coetanei, anche più piccoli di lui, spacciano. Su motorini più grandi di loro sfrecciano, impennano e si divincolano tra le macchine in fila per via delle Calcare o via della Concordia. Li vedi schizzare fuori a suon di clacson su Via Plebiscito quando arriva la polizia per una retata.

Accanto a quei ragazzi vedi bambini più piccoli, spaventati quando un elicottero della Polizia sorvola le loro teste; quei bambini li vedrai, poco tempo dopo, passare “stecche” di fumo o palline di cocaina a studenti e professionisti, o li riconoscerai in una piccola foto sulla pagina della cronaca giudiziaria. Per spacciare non serve alcun titolo di studio: tutti possono mettersi a un angolo e fare il palo, o trasportare piccole dosi. È un mestiere che garantisce soldi facili, ma altrettanto facilmente ti può privare del sorriso.

Qualcuno cerca di ripetergli fino alla nausea che quella non è vita. Quel ragazzo che ormai da qualche tempo non frequenta più la scuola se ne va, promettendo di non spacciare più, ma la strada è sua compagna di viaggio per troppe ore al giorno e non c’è un pallone o coetanei, amici veri, che lo possano dissuadere da scelte pericolose per il suo futuro.

SCHEDA

SAN CRISTOFORO

San Cristoforo è definita dall’Autorità Giudiziaria e dai giornali il “supermarket degli stupefacenti”. La mafia gestisce un business che genera, ogni anno, milioni di euro e fornisce “lavoro” a centinaia di persone, la maggior parte impiegati come pusher e vedette. In tale attività sono coinvolti anche minori; a Catania nel 2012, si sono registrati 146 arresti di minorenni. Questo dato pone Catania al 5° posto nella classifica nazionale, dopo città come Roma e Napoli. Molto probabilmente si tratta dell’azienda con le maggiori entrate del territorio cittadino. Gli arresti e i sequestri per spaccio di sostanze stupefacenti sono decine ogni mese. È stato quantificato che, a San Cristoforo, la mafia ottiene più di trentamila euro al giorno di guadagni con lo spaccio. Le piazze di spaccio sono numerose. Tra le altre:

-L’area di S. Maria delle Salette; la zona è stata luogo dell’operazione Revenge 2 condotta dai Carabinieri contro la famiglia Bonaccorsi, detti “Carateddi”, che ha portato all’arresto di 24 persone, su ordine del gip Giuliana Sammartino.

-La zona del Tondicello e di Via della Concordia; la zona è stata luogo dell’operazione Mulini, che ha messo in evidenza come su Catania si riversa un quantitativo immenso di cocaina, acquistata da persone di ogni estrazione sociale.

-La zona di via Mulini a Vento.

CRONOLOGIA

17 febbraio 2013, San Cristoforo, Catania.

Quattro spacciatori in manette sorpresi a cedere la droga ai clienti in via Trovatelli, a San Cristoforo. Sequestrati 60 grammi di marijuana e 350 euro, ritenuti l’incasso dello spaccio.

6 marzo 2013, San Cristoforo, Catania.

I Carabinieri hanno arrestato due uomini per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. In via Della Lava i due individui cedevano degli involucri ad occasionali acquirenti. Bloccati e perquisiti, sono stati trovati in possesso di 51 dosi di marijuana, per un peso totale di 110 grammi, e 38 dosi di cocaina, per un peso complessivo di 12 grammi.

15 marzo 2013, San Cristoforo, Catania.

Tre spacciatori acquistavano la droga a San Cristoforo per smerciarla ad Enna. I tre sono stati bloccati in via Santa Chiara e sono stati trovati in possesso di 100 grammi di marijuana. La perquisizione in casa del venditore ha permesso di sequestrare 1,5 chili di marijuana.16 marzo 2013, San Cristoforo, Catania.

I carabinieri arrestano una donna di 56 anni per detenzione e spaccio di cocaina e marijuana. Nell’abitazione sono stati sequestrati 53 involucri di carta stagnola contenenti 23 grammi di cocaina e 2.800 euro in banconote, ottenuti grazie all’attività di spaccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.