Due proposte contro l’azzardo

Il gioco d’azzardo legale in Italia ha assunto dimensioni sempre più rilevanti, anche se ancora non esattamente definite. E’ stato spinto da massicce campagne pubblicitarie sia nei canali tradizionale che nei nuovi-media. Il governo centrale nonostante il susseguirsi di partiti e figure al comando si è dimostrato al quanto “miope”, favorendo costantemente il gioco d’azzardo con una tassazione sempre più bassa e aiutando le grandi  lobby con un maxi-sconto su un’evasione fiscale di 98mld. In quali altri mercati questo è possibile? Le amministrazioni locali, che si dimostrano sensibili ai rischi di un’abitudine consolidata si trovano con un margine di manovra assai ridotto per regolamentare il gioco e le sue conseguenze. 
I rischi colpiscono l’economia delle famiglie, la loro salute ed il loro equilibrio. E’ evidente che l’impegno in questo senso si traduce in una lotta “verticale dal basso” dove è importante confrontarsi per trovare soluzioni significative ed efficaci.
Per questo il Gruppo Dello Zuccherificio ed AdEst  assieme ad altre realtà territoriali suggerisce ai Comuni, due proposte volte al contrasto e alla limitazione delle possibilità di gioco attraverso i canali comunali.
Questo il testo inviato alle amministrazioni comunali:

Il gioco legale si estende in diverse forme, una delle più insidiose riguarda la possibilità di giocare on-line, canale preferenziale per le persone che preferiscono giocare in anonimato, in ogni momento e in ogni luogo. Nel 2012 la spesa complessiva per i giochi a distanza si stima in circa 749 milioni di euro (dati amms). Le occasioni di gioco online sono supportate da strumenti tecnologici sempre più diffusi (smartphone e tablet) ormai a disposizione di 20 milioni di italiani. E’ interessante notare che il gioco on-line sia tassato allo 0,6% (il pane al 4%, il latte al 8,4%). La pericolosità del gioco virtuale sta nel fatto che è molto difficile monitorare l’accesso dei minori e per alcuni giocatori l’assenza di “spazio e tempo” può essere un fattore incentivante la comparsa di dipendenza. 
Inoltre le proposte pubblicitarie di gioco d’azzardo, strategicamente elaborate, da esperti di marketing hanno caratteristiche di forte impatto emotivo per i giocatori. Hanno un ruolo fondamentale nel proporre il “consumo” di giochi. Al loro interno sono presenti messaggi dal contenuto ambiguo, che poggiano sul sogno di una vincita facile che ti cambia la vita, non spiegando che le reali probabilità che questo accada sono scarsissime. 

 Una effettiva azione di contrasto e tutela dei cittadini consiste nel limitare la pubblicità e le possibilità di gioco attraverso i canali comunali. Per questo chiediamo:

• divieto di scommettere e giocare on-line tramite la wireless pubblica messa a disposizione dal Comune. Proposta lanciata dalla dott.ssa Chiara Pracucci esperta proprio di dipendenza da gioco e da tempo in prima linea contro l’azzardo.

• divieto di pubblicizzare sale da gioco o altre forme di gioco d’azzardo nelle “affissioni comunali” (divieto già inserito nei regolamenti di alcuni Comuni come Vicenza)

Tale azione diventerebbe un segnale concreto e si inserirebbe nelle iniziative incisive nella lotta a questo fenomeno.

Cliccando qui potete scaricare grauitamente il pdf della proposta.

– Gruppo Dello Zuccherificio – AdEst

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si informano i lettori che i commenti troppo lunghi potrebbero essere considerati SPAM e cestinati in automatico.
Vi preghiamo pertanto di essere concisi nei vostri commenti.