Dopo Ciancio. La Sicilia dei Siciliani

La conferenza stampa de I Siciliani giovani al Giardino di Scidà sul sequestro Ciancio.

Si è svolta questa mattina presso il Giardino di Scidà – bene confiscato alla mafia la conferenza stampa de I Siciliani giovani sul decreto di sequestro e confisca dei beni e delle società di Mario Ciancio Sanfilippo. All’imprenditore, sotto processo per concorso esterno in associazione mafiosa, è stata sequestrata anche la società editrice del giornale “La Sicilia” e le emittenti televisive che adesso sono gestite da amministratori nominati dal Tribunale di Catania. Sono intervenuti Matteo Iannitti, giornalista de I Siciliani giovani, Giovanni Caruso, vicedirettore e Riccardo Orioles, Direttore del giornale.

Siamo qui in un luogo confiscato alla mafia, a Nitto Santapaola, che abbiamo restituito alla città. Dove prima c’era la puzza di mafia adesso giocano i bambini. Adesso La Sicilia è sequestrata per mafia, allo stesso modo va restituita alla città.

Noi siamo quelli di Pippo Fava, de I Siciliani, e per quarant’anni abbiamo raccontato e denunciato di Mario Ciancio quello che il Tribunale ieri ha deciso: socialmente pericoloso, amico dei mafiosi.

Noi lo abbiamo capito subito, raccontando i fatti. In troppi in questi anni hanno fatto finta di non vedere e non hanno voluto leggere. La giustizia, grazie al coraggio dell’attuale Procuratore, finalmente è arrivata.

Tuttavia è già passato il tempo della soddisfazione. Dobbiamo metterci al lavoro.

Ciancio non è più il padrone de La Sicilia: lo scontro con quel giornale è finito. Ma Ciancio lascia macerie. Come ribadito ieri dal Procuratore, la crisi dei giornali e delle tv sequestrate è pesantissima. Negli ultimi dieci anni come dichiarato dallo stesso Ciancio, sono stati utilizzati i suoi soldi personali per mantenere giornalisti e lavoratori e nonostante questo numerosi sono stati i licenziamenti e i tagli. Quelle iniezioni di liquidità, la cui provenienza è stata oggetto del sequestro, non ci saranno più. Il giornale La Sicilia dovrà quindi camminare con le proprie gambe e su quelle del suo amministratore giudiziario.

Farà forse vendere più copie e salverà i posti di lavoro continuare a ospitare le lettere dal 41 bis, rettificare le notizie sui mafiosi per non indispettirli, regalare pagine ai politici amici che vanno a fare l’inchino al direttore oppure spingere varianti al piano regolatore che fanno arricchire gli amici degli amici, magari mettendo un direttore in assoluta continuità e di fiducia di Ciancio, sotto processo per mafia? Noi pensiamo che continuare così uccide il giornale, porta alla disoccupazione i suoi giornalisti e i suoi lavoratori.

Noi siamo a disposizione dell’amministratore giudiziario per contribuire a salvare La Sicilia, salvando tutti i suoi lavoratori ma trasformando il giornale. Non più il giornale dei poteri forti, dei politici amici, degli affari di qualcuno. Ma La Sicilia dei quartieri abbandonati e dei bambini dei quartieri. La Sicilia che spernacchia i potenti, ladri e corrotti, e tende la mano ai ragazzi. Una Sicilia che sia molto più Pippo Fava e molto meno Santapaola. La Sicilia che racconta a tutta Italia della nostra terra, orgogliosamente meridionale: altro che Milano del sud.

La Sicilia di Ciancio è finita. Se non si farà in tempo, il giornale La Sicilia non esisterà più, sarà acquistato per un pugno di euro da qualche grande gruppo editoriale con enormi tagli e licenziamenti. La nostra sfida, che proponiamo a tutti, a partire dall’amministratore giudiziario, è fare La Sicilia dei siciliani.

Confidiamo che dopo lo shock, nonostante le infelici esternazioni, anche l’attuale redazione del giornale sarà d’accordo”.

Un pensiero su “Dopo Ciancio. La Sicilia dei Siciliani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.