“Cuompagno Buossi…” Com’è nata la Lega

La gente non è mai cretina del tutto per tutto il tempo, nemmeno in Pasquania, e i voti per la Pasquania Libera, che prima erano moltissimi, adesso diminuivano continuamente.

La cosa però aveva poca importanza perchè, essendo ormai al go­verno, l’Umberto poteva ormai fregarse­ne di quel che pensava la gente. E a que­sto punto, del resto, stava ormai per par­tire la Fase Quattro.

Come il compagno Ivanov (da tempo riciclatosi in Manager della Caspian Pe­troleum SpA) aveva lucidamente previ­sto alla fine la gente, rimbambita dalle cazzate dei communisti e soprattutto dai lussi megagalattici che gli apparatniki del partito si concedevano sempre più fre­quentemente (ce ne fu uno a un certo punto che camminava solo con scarpe da un milione l’una), cominciò a schifare il communismo e ogni cosa che anche va­gamente gli si apparentasse.

Democrazia, senso civile, politica: tut­ta roba da com­munisti. Ci siamo stufati di tutto questo: vogliamo un governo non politico, che non ci rompa le scatole e che ci lasci dor­mire. Un governo che ci faccia almeno qualche bella promessa il sabato; lo sap­piamo già che il lunedì ci tocca rimetterci alla carretta; ma almeno, la domenica, passiamola con un po’ di speranza. Un governo-Sisal, insomma.

E questo governo fu fatto, e andò avan­ti. Altoparlanti, televisioni, scritte sui muri, giornali – tutto ripeteva in conti­nuazione che domenica prossima, sicu­rissimamente, sarebbe uscito il numero fortunato; e la gente, senza crederci, ci credeva.

La cosa sarebbe potuta andare avanti molto a lungo. Ma i compagni sovietici, forti di un’esperienza secolare, non a caso avevano mandato il compagno Iva­nov a reclutare l’uomo opportuno. “Per­chè sappiate, cuompagni, che l’arte del ri­vuoluziuonario tiene cuonto di tutto e sa sfruttare per la causa ognunque e qual­siunque elemento” (Susl., Dottr. del Comm., IV, 16, 240). E ancora: “In veri­tà, cuompagni, deve ancuora nascere il pork kapitalist che ce la metterà in kwel post” (Brezn., Man. Agit., VI, 13, 190, tomo secondo).

Ed ecco: appena il capo del porco go­verno capitalista diceva (purtroppo i go­verni capitalisti devono far contente le confindustrie, ogni tanto): “Lavoratori, lunedì sera purtroppo dovrete prenderla un momentino in quel posto lì”, imme­diatamente l’Umberto – che s’era abil­mente intrufolato nel governo – afferrava il mocrofono e sbraitava: “E senza vase­lina! Avete capito, stronzi? Vaselina, niente!”.

Ora voi capite che, di fronte a una cosa di queste, i lavoratori ci restavano anche un po’ male. E certo la popolarità del go­verno non ci guadagnava. Il che era esat­tamente ciò che aveva callidamente pre­visto, a suo tempo, il compagno Ivanov.

“Bisognerebbe annegare qualche extra­comunitario, ogni tanto”. “No! Bisogna affogare TUTTI gli extracommunitari! Cannonate in pancia, altro che cazzi!”. E un altro punto in meno per il governo.

“I magistrati ce l’hanno col governo perchè sono communisti”. “Brigatisti, sono! Aboliamo i magistrati e mettiamoci gli sceriffi!”. “Licenziamo Santoro!”. “Nein! Fuciliamolo senz’altro!”. E vai.

Insomma, a ogni cazzata che il gover­no diceva il Bossi vedeva, raddoppiava, rinterzava e ci aggiungeva il carico a de­nari.

Ora, una cazzata va bene, due si sopportano, tre pure, ma insomma quan­do il governo privatizzò l’aria atmosferi­ca e Bossi, pronto, dichiarò che bisogna­va anche metterci una tassa, andò a finire come tutti sapete, e come del resto era logico che finisse.

Berlusconi, come sapete, fu salvato da Prodi e Cofferati quando la folla invase Palazzo Venezia e adesso fa il presidente dello Stato Libero di Paranà. Dicono che se la passi bene, a parte Garzon che, osti­nato, dopo tanti anni si aggira ancora tra­vestito da alligatore da quelle parti nella speranza – finora delusa – di beccarlo.

Ferrara è ministro nel governo di centro­sinistra, Mentana dirige il Tg1, Lerner Canale 5, io sono disoccupato come al solito e papa Massimo Primo (il primo papa coi baffi nella storia del vaticano: chissà come ha fatto) ha appena nomina­to cardinale Rondolino. Tutti sono felici e nessuno s’è fatto male: come sempre in Italia, salvo qualche eccezione.

L’unico che manca è Bossi. Fu visto l’ultima volta il giorno della Gloriosa Ri­voluzione mentre, in piedi su un carrar­mato, incitava la folla a fare giustizia del “mafioso capitalista Berlusconi”. Poi non s’è visto più.

Maroni (che ora è ministro dello Spettacolo) e Castelli (a capo dell’Ente Ponte di Messina) sono convin­ti che sia caduto combattendo. Qualcuno dice che è semplicemente sparito ma tor­nerà quando la Pasquania avrà bisogno di essere liberata dalla tirannia di un altro Berluskaiser. Il popolo ha bisogno di miti.

Ma nella sala sotterranea del Cremlino, dove il Kgb (l’Unione Sovietica adesso è clandestina: per motivi di opportunità si fanno chiamare Russia e molte cose le fanno di nascosto, ma è sempre uno del Kgb quello che comanda) tiene le sue riunioni segrete, adesso c’è una lapide in più, a destra di quella di Stalin e pochi metri avanti a quella di Suslov.

C’è il bu­sto di un uomo dai marcati tratti celtici (capelli ricciuti neri e zigomi sporgenti), con sguardo da visionario e bocca da profeta; sul suo petto brillano l’Ordine di Lenin, la Bandiera Rossa, la Stella di Eroe dell’Unione Sovietica e, più com­movente di tutto, un semplice nastrino rosso. “Tovarisc Bossi”, c’è scritto sotto. E poche righe in cirillico, che non abbia­mo tradotto.

(22 aprile 2002)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si informano i lettori che i commenti troppo lunghi potrebbero essere considerati SPAM e cestinati in automatico.
Vi preghiamo pertanto di essere concisi nei vostri commenti.