Colpo di acceleratore sugli espropri per trasformare Sigonella in hub dei maxi-aerei cisterna della NATO - I Siciliani Giovani

Colpo di acceleratore sugli espropri per trasformare Sigonella in hub dei maxi-aerei cisterna della NATO

di Antonio Mazzeo

Tutto come prima, anzi peggio di prima. Dopo la sospensione dell’iter espropriativo di un centinaio di ettari di terreni nei comuni di Lentini (Sr) e Catania per ampliare la stazione aeronavale USA/NATO di Sigonella, imposta per l’inchiesta della Procura della Repubblica etnea su un presunto “tentativo di istigazione alla corruzione” da parte di due ufficiali dell’Aeronautica militare, con decreto del 6 dicembre 2021 il Ministero della Difesa ha ordinato “l’occupazione immediata degli immobili individuati, finalizzata all’esproprio degli stessi e necessaria per l’esecuzione delle opere”.

Così, nonostante i gravi “incidenti di percorso” su cui sono ancora aperte le indagini dei magistrati e della Guardia di finanza, le forze armate italiane tirano dritte, anzi schiacciano l’acceleratore sul progetto approvato e finanziato in sede NATO (Capability Package 9A1301 Air-to-air refeuelling assets) per trasformare la base di Sigonella nel principale hub per le operazioni dei grandi velivoli cisterna destinati al rifornimento in volo dei cacciabombardieri e degli aerei cargo dell’Alleanza, in transito nel Mediterraneo o diretti verso il Medio oriente e il continente africano.

Lo scorso 30 novembre, il responsabile della Direzione dei Lavori e del Demanio del Ministero della Difesa, generale ispettore Giancarlo Gambardella, aveva affermato “che in analogia a quanto regolarmente avviene in occasione dell’avvio di una indagine giudiziaria sui comportamenti della pubblica amministrazione”, era stata disposta la “sospensione del procedimento di esproprio dei terreni” a Sigonella “a tutela degli interessi pubblici e privati coinvolti”. Atto dovuto, non fosse altro che dalle indagini della Procura di Catania era emerso che gli ufficiali del 3° Reparto Genio dell’Aeronautica di Bari incaricati di seguire le procedure di esproprio, avevano “ritoccato” (al rialzo) la superficie dei terreni da annettere alla base e il loro valore, a beneficio dei proprietari e a danno dei contribuenti.

Adesso giunge il colpo di spugna della Difesa e si riparte come se nulla è accaduto: l’area da espropriare resta la stessa – anzi forse si aggiunge qualche ettaro in più – mentre per gli indennizzi si rimanda a tempi migliori. “L’indennità spettante agli aventi diritto per l’occupazione d’urgenza, calcolata sulla base dell’esatta superficie utilizzata e il tempo di possesso dalla data di presa in possesso all’ablazione definitiva sarà successivamente calcolata e liquidata dall’Amministrazione della Difesa in base alle normative vigenti”, recita il decreto del 6 dicembre a firma, ancora una volta, del generale ispettore Giancarlo Gambardella.

L’ultimo atto amministrativo della Difesa certo non eccelle in trasparenza e completezza dati. A differenza del decreto di esproprio del 12 ottobre (quello poi “sospeso”), nella tabella allegata al provvedimento non viene riportata l’estensione delle superfici dei terreni ma solo il numero delle particelle catastali e le generalità dei titolari. Ciononostante è possibile comparare gli espropri “di prima” con quelli “di oggi”: nulla viene tolto ai massimi beneficiari dell’affaire (la Sater – Società Agricola Turista Etna Riviera S.r.l. di Catania); spariscono due particelle in territorio di Lentini (quelle indicate con i numeri 102 e 229 per poco più di 0,1 ettari – categoria “seminativo irriguo”), ma se ne aggiungono quattro, sempre nel comune lentinese (n. 317, 319, 286, 287), le prime due nella titolarità di “Roberto Brignone – proprietà effettiva Az. Agricola Sigonella S.S.”, le altre due della “Cassa di formazione della piccola proprietà contadina – proprietà effettiva ISMEA”. L’Azienda agricola Sigonella ha sede a Catania in via Galermo 156 e scopo sociale “l’acquisto, vendita e gestione di fondi rustici e di aziende agricole, la conservazione e vendita di prodotti agricoli, ecc.”. L’ISMEA è invece l’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare, ente pubblico economico che realizza servizi informativi, assicurativi e finanziari per le imprese agricole.

Doveroso soffermarsi ancora una volta sulla Sater S.r.l. di Catania che si vede confermare dal decreto di “occupazione urgente” del 6 dicembre la superficie dei terreni per l’espropriazione, censiti con la provvidenziale revisione introdotta con la relazione ispettiva del 23 marzo 2021 a firma dei due ufficiali dell’Aeronautica Militare indagati a Catania (nello specifico la società è stata premiata con l’incremento da 60 a 76 ettari dei terreni sotto esproprio e del relativo indennizzo da 1.800.000 a 2.500.000 euro).

Costituita nel dicembre 1962 con oggetto sociale “l’acquisto o la vendita di terreni agricoli e/o l’assunzione della gestione della conduzione diretta degli stessi e l’esecuzione di opere di bonifica e di trasformazione agricola e forestale”, la Sater – Società Agricola Turista Etna Riviera ha un capitale sociale di 1.300.320 euro. I suoi soci sono il noto editore-direttore de “La Sicilia”, Mario Ciancio Sanfilippo (777.612 euro di capitale sociale), i due figli Rosa Emanuela e Domenico Natale (entrambi con 260.580 euro di capitale) e la moglie Valeria Guarnaccia (1.548). Dell’impresa, l’anziano patròn di alcuni dei maggiori media siciliani è anche amministratore unico e rappresentante.

Il 24 settembre 2018 la Sater S.r.l. è stata sottoposta a sequestro dal Tribunale di Catania su richiesta della Direzione distrettuale antimafia nell’ambito del maxi-sequestro per svariati milioni di euro delle aziende e dei beni di Mario Ciancio Sanfilippo, imputato dell’accusa di concorso in esterno in associazione mafiosa e successivamente assolto dal GIP del Tribunale di Catania “perché il fatto non è previsto dalla legge come reato”.
Anche la confisca dei beni è stata annullata il 24 marzo 2020 dalla Corte d’Appello poiché non sono state provate né “l’esistenza di alcun attivo e consapevole contributo arrecato dal Ciancio in favore di Cosa nostra catanese”, né “alcuna sproporzione tra redditi legittimi e beni mobili o immobili di proprietà”. Il dissequestro è divenuto definitivo il 21 gennaio 2021 con sentenza della quinta sezione della Cassazione.

In attesa di conoscere l’ammontare del denaro che lo Stato sborserà per ampliare di cento ettari la base Sigonella, si spera almeno che gli enti locali investiti dal nuovo progetto NATO facciano pesare in sede politica e amministrativa l’assenza di valutazioni dell’impatto socio-ambientale e per la sicurezza delle popolazioni che deriverà dall’aumento esponenziale del traffico aereo militare e soprattutto dagli atterraggi e dai decolli degli aerei cisterna giganti come ad esempio i KC-10 “Extender” che trasportano sino a 154 tonnellate di gasolio.

Di certo nulla ci si potrà attendere dal Presidente della Regione Siciliana, l’on. Nello Musumeci, che proprio un paio di giorni fa si è recato in visita ufficiale a Sigonella per incontrare i comandanti dei reparti USA, NATO e italiani schierati. Un atto di sfacciata subalternità alle logiche che hanno trasformato l’intera Sicilia in piattaforma di guerra, ulteriormente peggiorata dall’impegno del governatore di “farsi carico in sede regionale delle problematiche idro-geologiche che interessano la grande stazione aeronavale”. “Sigonella uber alles”, prima cioè di mettere mano ai devastanti dissesti del territorio che emarginano economicamente l’Isola e i suoi abitanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.