martedì, Aprile 23, 2024
-rete-Apertura

C’era una volta una repubblica

2 giugno 2023

L’Italia *era* una repubblica democratica. Tutti i cittadini *avevano* pari dignità sociale ed *erano^ eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso e di razza…

 

La repubblica di Palermo

 

Una volta c’erano parecchie cose che ti davano diritto a una bella scarica di legnate se eri giovane e avevi l’aria sbarazzina, ma fra queste non c’era la complicità con Falcone. A Palermo invece, il 23 maggio 2023 (segnati la data, la chiedono agli esami), gli studenti sono stati picchiati perché volevano mettere un fiore a Falcone. “Concorso esterno in associazione antimafiosa”. Da quel giorno la repubblica, che già prima non stava tanto bene, è diventata ufficialmente una res privata e la costituzione, che ogni tanto si cercava sempre di abolire, non è stata abolita più ma semplicemente ignorata.

* * *

Tutta questa faccenda è stata un gran regalo per la mafia, che ormai non è più una mafietta ma un Potere Mafioso. Se a toglierti davanti i rompipalle ci pensa il Signor Prefetto e anzi direttamente il Governo, hai molto più tempo di prima per le cose serie. “Ma scusa, non lo facevano anche prima?”. Sì, ma prima lo dovevano fare di nascosto: ora invece è ufficiale, ed è un bel risparmio. Ma noi, che facciamo?

* * *

Beh, possiamo fare una bella manifestazione di protesta alla prossima occasione, per esempio – fra un mese e mezzo – per Borsellino. Contenti?

Oppure, organizziamoci da subito per colpire mafiosi e soci nel loro punto debole: il portafogli. Levargli i soldi di tasca, col metodo La Torre. Referendum, legge, scioperi, autunno caldo per gli oligarchi mafiosi.

Si può? Parliamone, e ti raccontiamo come abbiamo fatto tutte le altre volte.

*

________________________________________

La repubblica di Catania

 

A Catania la mafia è arrivata tardi ma è arrivata subito in alto e si impadronita profondamente dei gangli vitali della città. Il potere qui, è solo secondariamente politico, ed è politico in quanto proiezione del potere socio-economico, che Giuseppe Fava, molti anni fa, metteva lucidamente al centro del potere mafioso.

Il potere mafioso – nell’economia, nell’informazione, nei rapporti sociali, infine anche nella politica, a Catania costituisce la grande rimozione; se ne parla pochissimo, e quel poco male.

Poco ne parla anche la “sinistra” e le elezioni che potrebbe perdere onorevolmente, per ragioni politiche e culturali, le perde invece catastroficamente e senza onore. Riesce a costituire liste puerili, di brava gente (non tutta) aliena da ogni scontro reale, senza un programma che parli della Cataniavera e non di Stoccolma.

* * *

Con tutto ciò, e nonostante l’indubbia decadenza, Catania è ancora all’ avanguardia della politica, disgraziatamente. La sua ri mozione del potere mafioso, e dunque la resa senza combattere ad esso, è stata infatti un modello per la classe politica nazionale.

L’Italia, unico paese occidentale in cui la mafia sia andata a più riprese al governo, ignora così totalmente il problema, criminalità, che è un’altra cosa.

Ma sono passati molti anni dalle denunce di Fava, e poi di dalla Chiesa, di D’Urso, di Scidà e di altri ancora; la mafia ha avuto tutto il tempo e l’agio di farsi potere, come prima si prevedeva e ora si constata.

I “Siciliani” sono stati fra quelli che l’hanno contrastato e lo contrastano tuttora. Siamo stati un “partito” di giovani, e con orgoglio lo rivendichiamo. Pensiamo che i ragazzi di ora, coi loro tempi e con le loro forze, riusciranno ad esserne all’altezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *