Finita la latitanza dei superkiller della mafia dei Nebrodi

Erano due delle più famigerate primule rosse della mafia tirrenico-nebroidea, ma alla fine hanno dovuto arrendersi ai militari dell’Arma.

I carabinieri del Gis con un blitz in un casolare di Lentini – individuato dai reparti operativi di Messina e Catania come il covo dei due – hanno posto termine alla latitanza dei fratelli di Montalbano Elicona Vincenzo e Calogero Mignacca, ricercati dal 28 luglio 2008.

Elementi di spicco della famiglia mafiosa dei tortoriciani, pluricondannati all’ergastolo, con sentenze definitive, per associazione a delinquere di stampo mafioso, omicidi, rapine, estorsioni ed altro, i due latitanti erano armati ed in stanze separate: il più piccolo, Calogero, è stato arrestato, il più grande, Vincenzo, pur di non farsi prendere, si è tirato un colpo di pistola alla testa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si informano i lettori che i commenti troppo lunghi potrebbero essere considerati SPAM e cestinati in automatico.
Vi preghiamo pertanto di essere concisi nei vostri commenti.