Tangenti alla Regione per ampliare le discariche

Giuseppe Antonioli, ad della discarica Tirrenoambiente di Mazzarrà Sant’Andrea, in provincia di Messina è stato arrestato nel corso dell’operazione “Terra mia” condotta dalla procura di Palermo che ha svelato un giro di mazzette legate allo smaltimento dei rifiuti e ai controlli nelle discariche siciliane.

E giunta la parola fine per la discarica di Mazzarrà Sant’Andrea?

Marco Lupo, dirigente generale del Dipartimento Enegia e rifiuti della Regione, ha avviato il procedimento di “diniego all’istanza di rinnovo” delle Autorizzazioni integrate ambientali concesse a Tirrenoambiente nel 2009, e scadute lo scorso 21 maggio senza che l’attività di smaltimento […]

Indagati per truffa i vertici della Tirrenoambiente

A indagare sulla Tirrenoambiente c’è ora anche la Procura di Vercelli che ha disposto un provvedimento di perquisizione nelle abitazioni di Giuseppe Antonioli e di Pino Innocenti, attuale e precedente ad di Tirrenoambiente, società proprietaria della discarica di Mazzarrà Sant’Andrea nel messinese.

Mazzette ad un funzionario regionale: ecco come avrebbe ottenuto l’Aia l’ecomostro, mentre al processo Vivaio regge l’impianto accusatorio. La discarica era “cosa” loro

L’assessorato siciliano all’Ambiente – dopo un’indagine interna avviata a seguito della segnalazione di “strani” ritardi nell’iter autorizzativo della nuova (sic) discarica di Gela – ha scoperchiato un giro di mazzette che coinvolgerebbe funzionari del dipartimento, con conseguente denuncia alla procura, firmata dall’assessore Mariella Lo Bello.