Il mio Novantadue

“E come potrei dimenticarlo. Ultimi scampoli di un’indimenticabile estate…”. L’anno delle speranze e dell’orrore, delle nuove politiche e delle stragi nel ricordo di un cronista che di quegli anni può dire “io c’ero”