in questo numero:

Il seme della violenza

gaza-morti

Intorno a un monolite, perfetto e splendente, in una radura pri­mitiva e selvaggia, gli ominidi si fronteggiano per conquistarlo. Si minacciano urlando e gesticolando e nessuno osa fermare l’incontro fisico e violento. Poi un ominide scopre una catasta di resti animali e si rende conto che un osso più robusto degli altri riesce a spezzare quella grande carcassa. Le ossa si frantumano in mille schegge.

L’isola di Danilo Dolci

DaniloDolciB

Conosceva pastori, pe­scatori, braccianti dei più sperduti paesi. Non li consolava con belle parole, ma li aiu­tava a guardare dentro la vita che era loro im­posta. E, anche, dentro se stes­si

Civita: il mare negato

Cosa è rimasto dell’operoso borgo marinaro? Qualche pescatore che ancora intreccia le reti della memoria, come ombra di un lontano ricordo.
Resta dentro l’amara consapevolezza che il prezzo pagato in nome del progresso sia stato troppo alto, l’ombra del mare è lì ma non puoi vederne l’azzurro, la città ha eroso il mare!

dalla Rete:

Tangenti e discariche: rinviati a giudizio Antonioli, Proto e Cannova

ANTONIOLI-GIUSEPPE-377x415

La Procura di Palermo ha chiesto il rinvio a giudizio per Giuseppe Antonioli, amministratore delegato della discarica di Mazzarra’ Sant’Andrea (Me), Domenico Proto, titolare della discarica Oikos a Misterbianco, i fratelli Calogero e Nicolo’ Sodano, proprietari della discarica Soambiente di Agrigento e per il funzionario dell’assessorato regionale Territorio Ambiente, Gianfranco Cannova. L’accusa è corruzione.

Le “chiavi” del potere

logogiro

Xirumi? Per l’umanità di memoria fast food forse non significa più nulla. Per noi simboleggia ancora. Occorre riconoscerlo, per molti di noi fu anche una potente e magnifica “lezione di vita” dove fu possibile sperimentare nel concreto il dispiegarsi di forme di potere, dalle più meschine alle più infami: dal politico nazionale a quelli regionali e locali, da destra a sinistra, dal ruffiano dei militari americani ai tecnici imbroglioni, dalla legalità ipocrita di Libera ai manutengoli del “crimine locale”, dai nostrani piriti lisci dello “sviluppo” alle varie zecchette locali, e poi affaristi, magistrati con l’ammorbidente, sindacalisti e così via sino ai questuanti di briciole.

Mafia: Cassazione, voto di scambio, non serve intimidazione

mafia-uccide-silenzio-pure

Mafia: Cassazione, voto di scambio, non serve intimidazione Accolto ricorso procura Palermo. Contrasto con recente verdetto   (ANSA) – ROMA, 9 SET – Sul voto di scambio politico mafioso, la Cassazione – con una nuova decisione depositata oggi, dopo quella [...]

Sbarco migranti a Pozzallo, 26 agosto 2014

migranti

  A Pozzallo si registra il quarto sbarco in cinque giorni. A bordo 449 migranti, 235 uomini, 81 donne e ben 133 minori. Sono siriani, palestinesi, egiziani e tunisini.  Clicca qui per leggere il report completo dello sbarco a cura [...]

Graziella!

Graziell

Graziella Proto, direttrice di Casablanca e socia onoraria dell’Associazione Antimafie Rita Atria, è stata colpita da un infarto. Subito operata, è in ripresa. Tutta la Redazione dei Siciliani giovani le è vicino e le augura di rimettersi in fretta.