venerdì, Dicembre 1, 2023

porto di Augusta

-rete-PolisStorie

Ad Augusta ci sarà mai un’accoglienza degna per i migranti?

Alcuni adolescenti raccontano di essere riusciti a scappare dopo diversi giorni passati da detenuti nella tendopoli, soffrendo il caldo torrido e presidiati dagli agenti di polizia, senza mediazione culturale e senza ricevere alcuna informazione sull’accesso al diritto d’asilo e alla protezione umanitaria. Altri, invece, dicono di essere stati forzati al rilascio delle impronte digitali a colpi di manganello elettrificato; altri ancora, dopo l’identificazione, di essere stati semplicemente abbandonati sulla strada, e di averla percorsa a piedi – quaranta chilometri di asfalto – per raggiungere la città etnea.  

Read More
-rete-Inchieste

Rigassificatori e droni

Pressing ancora a tutto campo di gruppi politici, transnazionali dell’energia, aziende di navigazione e forze armate per insediare nell’area industriale di Augusta-Melilli-Priolo, tra le più inquinate e militarizzate d’Italia, un pericolosissimo mega-impianto di ricezione, stoccaggio e rigassificazione del gas naturale liquido (GNL). Il 16 maggio, presso il Circolo Ufficiali della Marina militare di Augusta, si è tenuto il Convegno dal titolo “Italia hub del gas naturale, opportunità GNL per i trasporti marittimi nel Mediterraneo”, organizzato dalla Mirumir Srl di Milano “per la promozione della filiera industriale del GNL”, con la collaborazione della Marina Militare italiana.

Read More
-rete-InchiesteSocietà

Dagli affari tossici all’oasi mediterranea di solidarietà

Tra i business del petrolchimico e quelli del porto commerciale non c’è, e non ci può essere, alcuna differenza. Perché l’affaire petrolio e quello dei “signori dei container” sono figli della stessa matrice economica, politica e ideologica. Due facce, interconnesse, della medesima infinita volontà di profitto perseguita dal capitale globale.

Read More
-rete-CronacaSocietà

Augusta batte Catania 7 a 1

Sul porto di  Augusta  sono sette  gli  indagati,  sette  ben note  persone di alto impegno sociale, politico e militare  fra le  quali perfino un Ammiraglio. Tutti  dovranno rispondere  per  una sola  concessione di  un  solo pontile. A Catania invece,  risulta rinviato a Giudizio solo il Direttore dei Lavori della abusiva,  costosa  e devastante  darsena portuale da decine di pontili per le poche ditte di trasporto operative, non escluse quelle  sotto indagini, sequestri e confisca per mafia.

Read More