Procura della Cassazione: “Saguto via dalla magistratura”

Il procuratore generale della Cassazione Mario Fresa, nel corso della sua requisitoria alla sezione disciplinare del Csm, ha chiesto di condannare la Saguto alla sanzione massima: la rimozione dall’ordine giudiziario.

Rimozione dall’ordine giudiziario. È la sanzione massima chiesta dal procuratore generale della Cassazione Mario Fresa, per Silvana Saguto, l’ex presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo, sospesa da oltre due anni dalle funzioni e dallo stipendio dopo le accuse di corruzione e abuso d’ufficio.

Silvana Saguto

Silvana Saguto

Fresa ha avanzato la richiesta nel corso della sua requisitoria al processo disciplinare in corso davanti al Consiglio superiore della magistratura. Tra le accuse mosse dal ministro della Giustizia e dal pg di Cassazione, titolari dell’azione disciplinare, al magistrato, quella di aver “usato la qualità di presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo per instaurare indebiti rapporti personali con amministratori giudiziari di compendi sequestrati dal medesimo tribunale” al fine di “conseguire vantaggi ingiusti per sé e i suoi familiari”, anche per “tamponare la situazione critica in cui versava il suo nucleo familiare a fronte di ‘un tenore di vita tutt’altro che congruo rispetto alle entrate ufficiali”.

Le vicende sono le stesse oggetto del processo in corso a Caltanissetta, dove la Saguto deve rispondere di oltre 30 imputazioni disciplinari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *

Si informano i lettori che i commenti troppo lunghi potrebbero essere considerati SPAM e cestinati in automatico.
Vi preghiamo pertanto di essere concisi nei vostri commenti.