Il Centro Impastato per Charlie Hebdo

Nel numero del 20 marzo 1996 i redattori di Charlie Hebdo, Val e Riss, hanno pubblicato un bellissimo servizio dal titolo “De le chute du mur de Berlin à la la chute de Toto Riina”. Puntuale e rigoroso, acuto e spiritoso, come il giornale in cui lavoravano. Li avevamo incontrati nella sede del Centro, avevamo parlato del nostro lavoro, di Peppino Impastato, della mafia e della lotta contro di essa e avevamo apprezzato la loro lucidità e il loro coraggio. Poi si erano recati a Cinisi, a riascoltare le registrazioni di Onda pazza, come a trovare una corrispondenza con il loro modo di fare giornalismo, corrosivo e controcorrente.

I redattore di Chiarlie Hebdo sapevano di essere in pericolo e più volte hanno subito minacce e intimidazioni, ma non si sono mai tirati indietro.

Con la strage di oggi la barbarie e l’intolleranza hanno voluto cancellare uno dei pochi esempi di gionalismo libero e intelligente, di satira graffiante e demolitrice di miti e fanatismi.

L’unica risposta è che Charlie Hebdo continui il suo cammino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *

Si informano i lettori che i commenti troppo lunghi potrebbero essere considerati SPAM e cestinati in automatico.
Vi preghiamo pertanto di essere concisi nei vostri commenti.