AIUTIAMO GIACOMO!

thumbnail_PanniStesiB

Segnalateci case vivibili, in regola, con un affitto basso. Segnalateci ogni possibilità di lavoro per Giacomo che ha vent’anni ed è fortissimo coi suoi muscoli! Se avete giardini da sistemare, scantinati da ripulire, o qualcuno che vi vada a fare la spesa o qualcuno a cui lasciare il vostro cane, fatevi sentire! Abbiamo bisogno di voi, abbiamo bisogno di tutti!

Perché a Catania le aree verdi fanno paura

IMG_7440

“Il Bastione degli Infetti c’è stato un tempo in cui veniva usato per buttarci le carcasse dei cavalli morti”. Poi è nato il Comitato Antico Corso e qualcosa è cominciato a muoversi. L’hanno ripulito, sradicato le erbacce, e hanno cominciato ad aprirlo alla città “A me non piace parlare di quartieri” dice Salvo Castro “perché questo posto non è solo del quartiere ma della città, è alla città che deve tornare, non al quartiere. Perché questa logica dei quartieri è come se ogni quartiere si autogovernasse per conto suo, ognuno con proprie regole e con un boss a capo… Non può continuare ad essere così”.

Ladri di bambini

Cartuzze-SanCristoforo

Sul marciapiede umido, al freddo, accovacciato, guardato a vista da due poliziotti, un bambino. Undici anni. Alle dieci sera, non so se solo o in compagnia, ha “schiavettato”, rotto il bloccasterzo e portato la mia moto da piazza Università a via Dusmet, prima in sella e poi a spinta. Appena ha visto la polizia si è fatto prendere dal panico, ha abbandonato la moto ma è stato comunque raggiunto da quei grandi uomini in divisa. La moto era molto ma molto più grande di lui. Teneva gli occhi bassi.

Un colpo di mano dal basso che restituisce l’ex cinema Midulla al quartiere San Cristoforo

prima municipalità discute del midulla - 02

Questa mattina 23 gennaio 2017 si è tenuta presso la sede di via Zurria la riunione del Consiglio della Prima Municipalità. Unico punto all’ordine del giorno: Discussione in merito all’occupazione abusiva, da parte di associazioni e di gruppi di cittadini, del Centro Polifunzionale “Midulla” nel quartiere di San Cristoforo.

Catania – Una domenica al Midulla

Domenica_al_midulla - 01

Ieri dalle undici del mattino alle sette di sera, si è tenuta una festa per inaugurare il Midulla riconsegnato alla città. Non l’ennesima autocelebrazione di un’amministrazione che inaugura per mettersi medaglie al petto, ma un’inaugurazione dal basso dove semplici cittadini hanno festeggiato la riapertura del centro polifunzionale, facendo le attività più disparate e coinvolgendo la gente del quartiere.

Il centro polifunzionale Midulla ritorna alla città

Assemblea_al_midulla_occupato - 02

Scendendo da via Belfiore, la prima traversa sulla destra è via Zuccarello: una strada così stretta che sembra un vicolo, e proprio qui, dirimpetto al mercato rionale, c’è il Centro polifunzionale Midulla. Domenica 8 gennaio un gruppo di cittadini ha deciso di occuparlo e rimetterlo a disposizione del quartiere San Cristoforo e della città.

Il confine tra le due città

giochi, foto Mara Trovato

Quel confine tra la città bene e i quartieri, i soliti quartieri del centro storico

Ieri la nostra città si è svegliata con gli antichi colpi di pistola sparati “da dentro il confine”. Quel confine tra la città bene e i quartieri, i soliti quartieri del centro storico. Un confine ben preciso, tra San Cristoforo e il “nostro mondo” che non va turbato.

SIAMO NOI I VERI COLPEVOLI

ragazzo-grata

In un periodo in cui la forbice tra le due città (quella dei “pub”, dei Master Universitari, dell’Etna Valley e quella dei quartieri abbandonati, delle scuole fatiscenti, dello sfruttamento del lavoro minorile) è sempre più aperta, non ci viene difficile trovare i veri colpevoli

Per alcuni amministratori la Piazza dei Libri è “occupazione” di spazio pubblico

Gammazita, Piazza dei libri

Sono passati esattamente 15 giorni dal duro attacco che ha investito l’associazione Gammazita ad opera di un gruppo di consiglieri comunali appartenenti alla destra cittadina ed appoggiati da una federazione di commercianti. Crediamo che ciò che è successo sollevi due questioni generali terribilmente attuali nella nostra città: il recupero e l’utilizzo di beni comuni e l’esistenza di spazi sociali di condivisione e partecipazione “non commerciali”