Lombardo chi? L’esercito di mercenari del Movimento per l’Autonomia che governa Catania.

Raffaele Lombardo - Assemblea Regionale 25-26 giugno

Le donne e gli uomini che facevano anticamera nella sede dell’MPA pur di avere i favori di Raffaele Lombardo continuano a governare Catania e la Sicilia con ruoli di primo piano, perpetuando un sistema di potere che massacra il territorio e annulla la democrazia. Il Tribunale fa il suo dovere ma è il popolo siciliano che deve ribellarsi per sconfiggere la mafia.

Memoria

donPuglisi_cover

Per noi dei “Siciliani” è un onore pubblicare lo scritto di questo piccolo uomo, di questo povero siciliano come noi. Forse non lo ritroverete nelle conferenze intellettuali, ma quando c’è da rischiare la pelle lui è là.

E parliamo di cose serie

Palermo, photo-credit pixabay

Sono un operaio, scrivere è una fervida passione che nutro da anni, ecco il mio racconto.

Erano le 18.10 quando l’onorevole Corvino arrivò da Roma, all’aeroporto di Palermo Falcone-Borsellino. Ad attenderlo c’era il suo autista Michele Scicchitano… Michele ammirava quell’uomo che dava anima e corpo per la lotta alla mafia … quell’uomo “senza scorta”, com’era etichettato dai media, perché per cavilli burocratici tardava ad arrivare.

Tra mare turchese e discarica

spiaggia_lido_olivella

Lido dell’ Olivella, comune di Santa Flavia-Porticello, Palermo.

Impoverita dalle sue stesse rovine e da quelle delle strutture limitrofe che insistono sull’area marina completamente distrutte e oberate da ogni fattispecie di rifiuti, la peggior immagine che balza all’ occhio dell’ osservatore è l’inesistenza di ciò che dovrebbe essere la spiaggia.

Siracusa, domani inaugurazione del giardino botanico intitolato a Mario Francese. Eventi anche a Palermo.

220px-Mario_Francese

Sarà inaugurato alle 10:30 di domani, a Siracusa, alla presenza del Sindaco Giancarlo Garozzo e del prefetto Armando Gradone, il giardino botanico intitolato a Mario Francese, il giornalista siracusano, inviato del Giornale di Sicilia, ucciso a Palermo il 26 gennaio 1979, per le sue inchieste sugli interessi economici di Cosa Nostra.