30 ottobre 1991, Nunziante Scibelli, falciato in una guerra tra clan della camorra

La differenza tra l’auto di Nunziante Scibelli e quella dei veri obiettivi dell’agguato stava nel fatto che la seconda era blindata. Per il resto sembravano identiche: entrambe erano un’Alfetta ed entrambe erano marroni. Inoltre, elemento che risultò fatale all’operaio 26enne di Taurano, provincia di Avellino, era che tutti e due i veicoli passaro a una manciata di secondi l’uno dell’altro nello stesso posto, Lauro, una frazione del comune di Ima, nell’agro irpino.

Siamo nella serata del 30 ottobre 1991 e la zona è percorsa da una faida che si trascinerà così a lungo da far perdere di vista i motivi per cui era iniziata. È quella tra le cosche dei Cava e dei Graziano e al suo interno viene armato un commando di due uomini in moto che devono portare a termine un’esecuzione. Ma è sbagliato l’obiettivo: la raffica di proiettili che dovrebbe colpire i camorristi finisce addosso invece alla vettura su cui ci sono Nunziante insieme alla moglie Francesca, 24 anni e incinta di sette mesi.

La donna rimane ferita in molte zone del corpo, ma i medici che la curano riescono a salvare sia lei che la sua bambina, a cui sarà dato il nome di Nunzia. Ma per il giovane marito non c’è nulla da fare. Trasportato d’urgenza in un ospedale diverso rispetto a quello della moglie, si tenta un intervento chirurgico senza però che l’operaio campano sopravviva. E ci vorranno ventun anni perché si arrivi a una condanna di primo grado. Condanna che, come succede in tanti casi del genere, non sarebbe stata possibile senza le parole di un collaboratore di giustizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *

Si informano i lettori che i commenti troppo lunghi potrebbero essere considerati SPAM e cestinati in automatico.
Vi preghiamo pertanto di essere concisi nei vostri commenti.